Difficoltà di apprendimento: l’autosabotaggio dell’inconscio nella kinesiologia

La difficoltà nell’apprendimento vi provoca stress e ansia? Ecco come la Kinesiologia favorisce l’integrazione degli emisferi cerebrali con programmi ad hoc.

di Diego Vellam

Tra i fattori più comunemente presenti nella persona con difficoltà di apprendimento, se ne distinguono due che rispondono bene e rapidamente alle risorse terapeutiche della kinesiologia: si tratta dei programmi di autosabotaggio e della carente integrazione fra i due emisferi cerebrali.

I programmi di autosabotaggio sono dei “copioni” a cui la persona inconsciamente si attiene. Ciò è la regola per ciascuno di noi: l’inconscio guida la maggior parte della nostra vita, e molto spesso la nostra (sopravvalutata) parte conscia si limita a giustificare scelte già fatte a livello inconscio. Si parla però di programmi di autosabotaggio quando l’obiettivo inconsciamente mantenuto è in contraddizione con l’obiettivo conscio che, quindi, non riesce mai ad essere realizzato, pur senza comprenderne il perché.

difficoltà apprendimento bambini
Alla base dei disturbi nell’apprendimento c’è la difficoltà a integrare le facoltà dell’emisfero cerebrale destro con quelle dell’emisfero cerebrale sinistro © Ingimage

Come la kineasiologia tratta i disturbi dell’apprendimento

Sono molti gli studi che hanno dimostrato l’efficacia dell kinesiologia sul trattamento dei disturbi di apprendimento. In Kinesiologia è piuttosto semplice individuare i programmi di autosabotaggio inconscio rilevanti, riportandoli in linea con gli obiettivi effettivamente mantenuti dalla persona. Questa specifica procedura kinesiologica risulta inoltre di grande utilità terapeutica in molti altri ambiti.

Leggi anche: La storia della Kinesiologia

Riguardo agli emisferi cerebrali, va notato che il cervello rappresenta nella sua unità ben di più della semplice somma dei suoi singoli componenti. Per poter beneficiare in maniera integrata delle differenti risorse dei suoi due emisferi, è dunque necessario che vi sia una appropriata comunicazione e collaborazione fra di essi. Ciò spesso però non si verifica, e lo stress può aggravare ulteriormente la situazione, dato che esso compromette la comunicazione nervosa tra gli emisferi attraverso il corpo calloso.

kinesiologia
Uno dei test kinesiologici applicato sui disturbi di apprendimento è la “marcia del soldato” che punta sulla coordinazione dei movimenti tra la parte sinistra del corpo e quella destra © Ingimage

Fortunatamente la Kinesiologia possiede molti strumenti efficaci per poter risolvere con facilità e rapidità una tale mancanza di integrazione. Soprattutto nei bambini con disturbi dell’apprendimento o dislessia, la kinesiologia si è dimostrata molto valida perché agisce con i suoi esercizi sulla disarmonia emotiva ristabilendo un equilibrio tra conscio e inconscio.

Articoli correlati