Intolleranze alimentari

La Società Statunitense di Allergologia ha classificato le intolleranze alimentari, casi in cui eliminando completamente un cibo dall’alimentazione quotidiana, si verifica la scomparsa del sintomo o della malattia.

Il fenomeno delle intolleranze alimentari può provocare alterazioni a carico di qualsiasi organo, apparato o sistema con la comparsa di sintomi a distanza, anche fino a 72 ore.

Le tossine che si formano durante i processi di intolleranze alimentari hanno un “organo bersaglio” specifico per ognuno di noi, di solito quello più “debole” e quindi più aggredibile.

Riportiamo qui di seguito un elenco di sintomi correlati ai vari apparati:

  • SISTEMA NERVOSO CENTRALE: cefalee ricorrenti, emicrania, scarsa concentrazione, depressione,iperattività, umore variabile, astenia ricorrente, torpore mentale.
  • APPARATO GENITO-URINARIO: cistiti ricorrenti, irritazioni vaginali, enuresi.
  • APPARATO RESPIRATORIO: congestione nasale, rinite, sinusite, catarro, asma, bronchiti ricorrenti, otite.
  • APPARATO MUSCOLO-SCHELETRICO: dolenza articolare, artrite giovanile, crampi muscolari, mialgie.
  • APPARATO GASTRO-INTESTINALE: nausea, aerofagia, meteorismo, diarrea, gastralgia, colon irritabile, morbo di Chron.
  • APPARATO CUTANEO: eczema, eruzioni, orticaria, psoriasi, acne.
  • Ed inoltre obesità, anoressia, attacchi di panico.

Oppure l’intollerante può presentare una serie di sintomi, detti accessori, spesso ricorrenti o ciclici che fanno ipotizzare una causa d’intolleranza alimentare: alitosi, astenia, afte orali, palpitazioni cardiache, alternanza di peso, difficoltà digestive, edemi mattutini, torpore mentale, prurito, ipersudorazione.

Il meccanismo, anche per la naturopatia, è da ricercarsi nell’alterata reazione del sistema immunitario che in presenza di alcuni alimenti li riconosce come dannosi ed estranei e, di conseguenza, reagisce.

Valutazione e trattamento

Molte sono le metodiche usate in naturopatia per valutare e curare le intolleranze alleranze alimentari: nutrizionale, dieta a rotazione, analisi su sangue, kinesiologiche e test bioelettronici…

Articoli correlati