Konrad Lorenz e la dipendenza dalla comodità

Konrad Lorenz ha affrontato i problemi dell’uomo tecnologico. Siamo così abituati alla comodità che non ci rendiamo più conto di quanto ne siamo dipendenti

Konrad Lorenz e i peccati capitali

Konrad Lorenz, premio Nobel per la medicina, ha saputo affrontare in modo esemplare alcuni dei problemi capitali dell’uomo tecnologico: sovrappopolazione, massificazione, armi nucleari, terrorismo ecologico, indifferenza affettiva ed emotiva. La genesi di questi “peccati capitali” va ricercata in un esasperato atteggiamento di noncuranza e voracità nei confronti della vita. Tra le dense riflessioni di Lorenz ci sembrano particolarmente interessanti quelle relative alla comodità – al comfort -, ormai così naturale “che non ci rendiamo più conto di quanto ne siamo dipendenti”.

Konrad Lorenz
Konrad Lorenz nel 1970, (foto di Votava/Imagno/Getty Images)

L’uomo moderno e la comodità

L’uomo moderno abita la comodità in modo inautentico, ne è strutturalmente dipendente, tanto da non essere più in grado di sopportare il minimo contrattempo, il più lieve disagio: “Quando alcuni anni fa, a causa di un improvviso guasto a un grande impianto, New York mancò per alcune ore della corrente elettrica, molti credettero seriamente che fosse giunta la fine del mondo”. Strettamente connessa alla comodità c’è, inoltre, l’esigenza quanto mai diffusa di soddisfare immediatamente ogni desiderio, senza dilazione alcuna, in un rapporto “cannibalistico” con il tempo: il presente non viene quasi mai vissuto nella sua interezza, è quasi “sbranato”, perché siamo sempre protesi alla soddisfazione di nuovi desideri che mai sembrano saziarci.

Da qui una diffusa intolleranza al dolore e una decrescente sensibilità verso il piacere. Un punto questo di vitale importanza nell’argomentazione di Lorenz: “L’intolleranza al dolore, fenomeno sempre più diffuso ai giorni nostri, trasforma i naturali alti e bassi della vita umana in una pianura artificiale, le onde grandiose del mare in vibrazioni appena percettibili, le luci e le ombre in un grigiore uniforme. Cioè crea la noia mortale. Sembra che questo “estinguersi delle emozioni” minacci in particolare quelle gioie e quei dolori che derivano necessariamente dai nostri rapporti sociali, dai nostri legami col coniuge, con i figli, con i genitori, i parenti e gli amici”.

Lorenz rileva così l’aspetto meno autentico di un certo uomo della modernità: intollerante al dolore, non più visto come momento anche di crescita, insofferente di fronte a qualsiasi sforzo, ostacolo o tensione esistenziale, perennemente annoiato, esangue, alla ricerca di piaceri sempre nuovi e diversi, ma incapaci di trasmettere pienezza di senso e vero appagamento interiore.

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Ipocrisie dell’anima

La Rochefoucauld può essere definito come un vero e proprio precursore dei grandi “maestri del sospetto”.