L’amore da lontano

Guanda Editore, Parma 2007

Lidia Millepiani. Lidia legge libri e poesie. Lidia crede
d?essere un trovatore e si convince di voler trovare ?l?amore da
lontano?. E cos?è questo amore da lontano?
Beh, Dante e Petrarca amavano donne con le quali non erano mai
stati, con le quali non avevano mai parlato. Donne che nemmeno li
vedevano. Eppure erano così pieni d?amore. Di amore da
lontano , appunto. E perché Lidia si dovrebbe accontentare
di un mediocre amore da vicino, allora?

La piccola Lidia parte dalla periferia di Torino in sella a
Pino, il suo cavallo bianco. Prima o poi lo troverà
quell?amore che le farà tremare la pelle, quell?amore che le
renderà la testa formicolante. Quell?amore sublime!

Con Pino Lidia attraverserà mezza Italia. E
crescerà. Lavorerà, conoscerà nuove persone.
Uomini e donne. Non smetterà mai di leggere poesie. E
crescendo, le capirà sempre meglio. Le stesse parole,
rilette, avranno un senso più pieno.

Un libro da leggere perché è uno sguardo
alternativo sugli anni Settanta.
Mentre la maggior parte dei giovani si dedica alla politica, Lidia
si dedica all?amore. Vuole trovarlo.

Ma non è necessario cercare le cose, perché
accadono. E così succederà anche a Lidia.


Silvia Passini

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

Jorge Amado. Cibo da leggere

“Queste sciocche trovano puzzolente la cipolla: che ne sanno loro di aromi puri? A Vadinho piaceva mangiare la cipolla cruda, e il suo bacio sapeva di fuoco”. Jorge Amado – Dona Flor e i suoi due mariti.

Gatto. Il Ragdoll

Nasce negli anni ’60 in California (Usa). La sua totale fiducia nell’uomo lo porta a rilassarsi completamente e ad abbandonandosi proprio come una bambola di pezza (Rag-doll).