L’atlante dei bimbi… e dei rischi ambientali

La Conferenza mondiale della Sanit

I bambini da zero a cinque anni rappresentano il 10% della
popolazione mondiale, ma il 40% delle persone che muoiono per
problemi legati all’inquinamento ambientale sono bambini di questa
fascia di età! E’ una cifra che rispecchia la maggiore
vulnerabilità e la minor capacità di difesa di cui
dispongono i bambini rispetto agli adulti. Infatti i bambini hanno
una pelle sottile che tende ad assorbire le sostanze con le quali
viene in contatto, i bambini bevono una quantità di acqua
maggiore che gli adulti rispetto al proprio peso, quindi l’acqua
inquinata “pesa” di più per loro. Ma non si tratta soltanto
di decessi. In Europa e in genere nei paesi ricchi stanno
aumentando a ritmi veloci alterazioni del sistema ormonale e
neurologico e disturbi diffusi come allergie e intolleranze
alimentari. Questi sono provocati da vari tipi di inquinamenti,
presenti nell’aria, nei tessili trattati con agenti chimici, nei
prodotti di igiene, negli alimenti, nei giocattoli e così
via.

Nell’atlante elaborato dall’Oms vengono considerati fattori di
inquinamento legati all’aria e alla casa, all’acqua e
sanità, alla chimica, sicurezza alimentare e cambiamento del
clima, a fattori socioeconomici e al tabacco. Ne viene fuori che
nei paesi europei la vegetazione è più inquinata di
altrove di diossina e furani. Negli Usa, in Cina e Canada l’acqua
potabile è generalmente inquinata di fluoruro e arsenico.
Avvelenamento per agenti chimici e tossici sono più diffusi
in Africa e nei paesi del Pacifico. “Giocare con il futuro dei
nostri bambini” significa secondo l’Organizzazione mondiale della
Sanità il non fermare i processi che portano ai cambiamenti
climatici e all’effetto serra. Asia e Sudamerica ne hanno risentite
maggiormento fono ad oggi.

Ridurre di due terzi i decessi di bambini legati a fattori di
inquinamento entro i prossimi dieci anni con l’aiuto dell’atlante
è la richiesta alle singole nazioni alla conclusione della
conferenza di Budapest.

Rita Imwinkelried

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
#bastabufale, Laura Boldrini lancia un appello contro le fake news

Laura Boldrini, presidente della Camera dei deputati, lancia un appello contro le fake news, le cosiddette “bufale” sempre più presenti, e fuorvianti, sul web. “Essere informati correttamente è un diritto. Essere disinformati è un pericolo”, dice Boldrini che ha deciso di lanciare questa iniziativa (l’appello può essere firmato da chiunque dal sito www.bastabufale.it e condiviso sui social

Luaty Beirao, 5 anni di carcere per il rapper angolano dissidente

Cinque anni e mezzo di carcere: tanto è costato a Luaty Beirao, musicista e rapper angolano il suo impegno politico e la dissidenza al presidente Jose Eduardo dos Santos. La sentenza è stata emessa da un tribunale di Luanda che ha giudicato Beirao e altri 16 imputati colpevoli di voler rovesciare il governo e le

Il bancomat a Nairobi che non distribuisce denaro ma acqua potabile

Ricorda molto un bancomat questa “casa dell’acqua” operativa a Nairobi. Un distributore di quelli che si trovano anche nelle nostre cittadine. In questo caso però, il distributore d’acqua si trova in uno dei luoghi dove le condizioni di vita sono più difficili, ovvero nell’agglomerato di Nairobi chiamato Mathare. Popolazione stimata 500 mila persone.    

Dieta mediterranea, patrimonio di tutti

La decisione è stata raggiunta all’unanimità martedì 16 novembre dal comitato intergovernativo dell’Unesco riunitosi a Nairobi, Kenya. Il riconoscimento è stato dedicato al sindaco di Pollica Angelo Vassallo, recentemente scomparso per mano della camorra, per aver collaborato con il ministero delle Politiche agricole alla candidatura della dieta mediterranea in sede Unesco.   Nella decisione si legge che “la dieta mediterranea è un insieme