Integratori

L’Europa cosa fa?

Nel maggio 2000, l’ Europa ha proposto una direttiva per dare delle regole alla produzione e al commercio degli integratori (supplementi) alimentari.

Questa bozza di direttiva adesso è oggetto di discussioni
nel Consiglio dei Ministri UE, e nelle Commissioni del Parlamento in
Europa.

Se già nel testo della proposta vi erano delle
contraddizioni e passaggi dubbiosi, le discussioni in atto
confermano che ci si sta avviando verso un documento estremamente
restrittivo che potrebbe, una volta adottato, creare seri problemi
per una moltitudine di prodotti naturali e integratori
perfettamente sicuri, utilizzati per anni da milioni di
consumatori.

La direttiva in questo momento si occupa solo delle vitamine e dei
minerali negli integratori.
Tutti gli altri ingredienti, come per esempio gli acidi grassi, gli
aminoacidi, nutrienti vitamin-simili, fibre, enzimi e tutti gli
ingredienti vegetali incluse le erbe, per ora, resteranno di
competenza delle autorità nazionali.

Sul tema del dosaggio vitaminico la proposta resta vaga, e la
determinazione dei dosaggi massimi consentiti viene delegata a
un’entità scientifica, il cosiddetto Comitato Scientifico
per gli alimenti (SCF). Questo organismo, nel passato, non ha mai
mostrato una grande tendenza a considerare nelle sue decisioni la
libertà di scelta dei consumatori.
Inoltre la dietologia “ufficiale” da sempre non vede di buon grado
le alti dosi di vitamine nella nutrizione ortomolecolare, e l’SCF
rappresenta l’espressione per eccellenza della dietologia
ufficiale. Questo significa che si impiegheranno i livelli minimi
necessari per la sopravvivenza (RDA), per determinare i massimi
dosaggi dei nutrienti da consentire nei prodotti! Certamente non si
poteva fare un regalo più gradito all’industria
farmaceutica. Tutti i prodotti vitaminici di una certa efficacia
verranno prodotti esclusivamente dal cartello farmaceutico e
verranno venduti sotto controllo medico esclusivamente nelle
farmacie.

Addio nutrizione ortomolecolare! Addio anche all’uso preventivo
degli integratori vitaminici.

Marina Alessandra Ricci

Articoli correlati