Il reality Cisco parla di ambiente

Immaginatevi 5 persone chiuse in una casa e tante telecamere che le riprendono, per 8 ore al giorno, per mandarle in diretta web. No, non è il Grande Fratello.

Quello che lo differenzia dagli altri reality è la
connotazione “eco”: innanzi tutto l’edificio in cui vivranno i 5
concorrenti, la Leaf House di Angeli di Rosora, in provincia di
Ancona, è costruito secondo i principi della
bioarchitettura, a zero emissioni di anidride carbonica.

L’energia, ad esempio, proverrà da un impianto geotermico
e pannelli fotovoltaici. L’acqua calda dal solare termico.
La casa è inoltre dotata di un set di elettrodomestici
“verdi”, a basso consumo, oltre che delle più avanzate
tecnologie di comunicazione e di rete fornite da Cisco.

In questo contesto, i concorrenti dovranno dimostrare di essere
all’altezza della “super-casa”: le azioni che compiranno
all’interno della Leaf House saranno studiate e valutate da Impatto
Zero®, che calcolerà l’effettivo risparmio di CO2 a
seguito dell’utilizzo delle tecnologie fornite, ovviamente, da
Cisco.

Molti i collegamenti in diretta web: tra gli altri, oltre che
con l’inggner Simone Molteni, responsabile del progetto Impatto
Zero®, anche con le sfilate di moda milanesi o l’editore
Hoepli, per una riflessione sulla condivisione del sapere in
rete.

Se volete seguire l’evento in diretta web o avere maggiori
informazioni sui 5 ragazzi della Leaf House:
humannetworkliveeffect.com

(Nella foto: Thelma, una dei partecipanti)

Articoli correlati