Samsung. L’impegno globale per la sostenibilità

La multinazionale dell’elettronica ha da tempo intrapreso una strada volta al rispetto dell’ambiente attraverso pratiche concrete ecosostenibili. Ecco come.

L’ultimo rapporto sostenibilità di
SamsungPlanetFirst
non è un nome di un prodotto, bensì l’espressione
della visione di creare nuovo valore tramite l’eco-innovazione.
Questa l’iniziativa interna che afferma i valori condivisi per la
comunità mondiale e dimostra l’impegno verso la creazione di
prodotti all’avanguardia, ovvero sempre più in linea con la
sostenibilità ambientale.

Grazie al suo impegno costante a riciclare i
rifiuti, come i wafer rifiuti, sostanze chimiche dei rifiuti e dei
fanghi provenienti dal processo di fabbricazione, l’azienda ricicla
infatti il 92% di tutti i rifiuti attualmente prodotti(compreso il
recupero di energia). La filosofia “i rifiuti, una potenziale
risorsa”ha dunque preso piede in questa azienda, come essa stessa
ha sottolineato nel
Rapporto sulla sostenibilità 2009
.

Le iniziative interne

Samsung si è impegnata inoltre a ridurre il
consumo dell’acqua e il riciclaggio e riutilizzo delle acque,
aumentando l’efficienza dell’uso delle risorse idriche e
introducendo un sistema per il riciclo dell’acqua, Risultato:
consumo di acqua ridotto di centinaia di tonnellate ogni anno. In
particolare, viene applicato un trattamento speciale delle acque
reflue, riciclate a loro volta per i processi di fabbricazione ad
alta precisione. E’ stato così ridotto il consumo di acqua
per la produzione di oltre il 65 per cento rispetto al 2001.

E non è tutto: ha infatti annunciato nel
luglio 2009 il lancio di una nuova iniziativa per diventare ancor
più eco-friendly entro il 2013. “Eco
Management 2013
“, questo il nome del progetto,
prevede in particolare la riduzione delle emissioni di CO2 del 50%,
e di quelle causate dai prodotti di 84 mila tonnellate.

Il giudizio di GreenpeaceUn giudizio positivo sulla sostenibilità ambientale
dell’azienda é stato espresso anche dalla 16a
edizione dell'”Eco guida ai prodotti elettronici” di

Greenpeace
: si posiziona bene infatti sul criterio
relativo alla gestione dei propri rifiuti, con tassi di riciclo
molto elevati: 137% per TV (dato basato sulle vendite dal 2000 con
una vita media per articolo di 10 anni); 12% per PC (dato basato
sul ciclo di vita media di un PC pari a 7 anni); 9% per cellulari
(dato basato sulla vita media di 2 anni). Deve comunque estendere
il programma di ritiro dei prodotti a fine vita anche ai paesi in
via di sviluppo. Tra gli obiettivi a lungo termine, l’incremento
della percentuale di plastica riciclata fino al 25% entro il 2025.
L’azienda sostiene il taglio obbligatorio delle emissioni di gas
serra dai Paesi industrializzati e ha certificato le proprie
emissioni negli impianti in Corea. I carica batterie di Samsung
sono molto efficienti da un punto di vista energetico, tanto da
eccedere l’ultimo standard Energy Star.

Il Festival Internazionale del Film di Roma a Impatto ZeroDulcis in fundo, per il secondo anno consecutivo ha
contribuito a rendere il Festival Internazionale del Film di Roma a
Impatto Zero® con il progetto LifeGate per ridurre e compensare
le emissioni di CO2. Per quanto riguarda l’edizione 2009 dello
stesso festival sono state preservati25.000 mq nella Riserva
Naturale della Valle dell’Aniene e 207.014 mq di foreste in
crescita in Costa Rica, mentre l’edizione di quest’anno ha
contribuito alla creazione di 169.621mq di foreste in crescita in
Madagascar.

Articoli correlati
Una quercia in memoria di Stefano

Stefano Carnazzi è stato uno dei primi giornalisti ambientali italiani. Ora, dopo la sua prematura scomparsa, una quercia ricorderà il suo impegno civile.