Biologico

Industria biotech USA in rallentamento

L’industria biotech USA s’era auto-imposta una moratoria. Ora si allenta.

L’industria biotech USA sta ammorbidendo la sua volontaria moratoria sulle sperimentazioni di piante ingegnerizzate in alcune regioni USA ad alta produzione agricola. Sotto questa moratoria, ai coltivatori era vietato piantare certi tipi di mais OGM nella cintura del Midwest e vietato piantare alcune specie di rape sulle praterie confinanti col Canada, per prevenire contaminazioni dei raccolti.

 

La moratoria ha suscitato le ire dei politici dello stato dell’Iowa poiché a loro dire in questa direzione si ha un’illegale discriminazione dell’Iowa, che cerca di costruire una lucrativa industria dei campi biotech, per esempio quelli dei biotech farmaceutici.

 

Revisione della politica restrittiva. Significa che la Biotechnology Industry Organisation lascerà la decisione di dove piantare gli OGM farmaceutici alle regole federali, quelli stessi che hanno permesso la semina del mais sperimentale all’insulina proprio nello Iowa.

Articoli correlati
Biologico, il momento decisivo è adesso

Le associazioni del biologico chiedono all’Italia di stare al passo con le strategie europee per una transizione agroecologica. Il commento della presidente di Federbio, Maria Grazia Mammuccini.