L’industria può promuovere la coscienza

La diffusione di una cultura del rispetto verso gli animali e l’ambiente si riflette anche nei prodotti che i cittadini consapevoli possono trovare sul mercato.

Tra gli elementi che maggiormente determinano la qualità
etica e ambientale di un prodotto di consumo vi sono la sua
caratteristica di non essere nocivo per l’ambiente e la salute e di
non sfruttare gli animali per eseguire dei test o per fornire
materie prime. La LAV (Lega Anti Vivisezione) è
un’organizzazione che si impegna nella diffusione di questo tipo di
cultura operando da 25 anni per l’abolizione di ogni tipo di
violenza sugli animali. Già nel 1997 è riuscita a
coinvolgere decine di aziende del settore cosmetico ad aderire allo
standard del “non testato sugli animali”.

Una collaborazione interessante si è avviata ultimamente tra
la LAV e un’azienda che produce dei detergenti, la Hedera Natur.
“Uniti per la vita” è il loro progetto, che intende
promuovere una cultura dove le attività dell’uomo non si
mettono in contrasto con il mondo circostante. Ricorrendo alla
ricerca alternativa è stata creata una linea di detergenti
completamente biodegradabili: “almacabio®”. I prodotti di
questa linea non contengono ingredienti derivati da animali, non
ricorrono ai test sugli animali e si distinguono per un’ottima
ipoallergenicità. La LAV li promuove con il proprio marchio
e con la dicitura “Consigliato dalla LAV”. Una parte dei guadagni
sui detergenti almacabio® andrà alla LAV per sostenere
le sue attività.

 

Articoli correlati