L’inventore della luce

Ci si perde (a volte davvero, purtroppo) tra scienza, progetti, biografia, pensieri e sogni in questo libro. Leggerlo è un modo originale per conoscere la vita di un uomo che ha sicuramente cambiato la vita di noi tutti.

New York, 1943. Un uomo, ormai anziano, vive al New Yorker
Hotel. Riservato, schivo, solitario. Non parla con nessuno, se non
con i colombi. Addirittura è innamorato di una di loro.
Cinico, schivo, strano, non vuole che nessuno si addentri nella sua
camera ed esige che ogni numero che ha a che fare con lui (dal
numero della camera, al numero della fornitura di asciugamani) sia
divisibile per tre. L’uomo in questione è Nikola Tesla,
l’inventore della corrente alternata e della radio. Al suo nome e
alla sua attività non sono sempre stati dati i giusti
meriti. E’passato. Nell’ombra.

 

Un giorno Louisa, giovane inserviente dell’albergo, varcando
la porta della stanza a tutti interdetta si trova al cospetto di
magneti, globi, fili di rame, fili colorati… e di fogli che
racchiudono una biografia scritta a quattro mani con un certo Sam,
al secolo Marc Twain. Si apre una porta per Louise e si dischiude
un mondo, destinato a cambiare inesorabilmente le sorti della sua
vita.

 

Si dipanerà un’amicizia tenera e profonda e sullo
sfondo, sarà interessante e appassionante lasciarsi
ammaliare dalla storia della famiglia della ragazza, delle
ambizioni di suo padre e del suo amico che si concentrano nel sogno
di progettare “la macchina del tempo”.

 

Insomma, ci si perde (a volte davvero, purtroppo) tra scienza,
progetti, biografia, pensieri e sogni in questo libro. Leggerlo
è un modo originale per conoscere la vita di un uomo che ha
sicuramente cambiato la vita di noi tutti. Ma è anche
un’occasione per godersi una piacevole lettura e, vedrete, una
bella, bellissima copertina.

 

Articoli correlati
Ultima chiamata

Il regista Enrico Cerasuolo con la collaborazione di Gaetano Capizzi, direttore di Cinemambiente, e di Luca Mercalli, uno dei più famosi climatologi italiani, hanno deciso di farne un documentario che cerca di capire, a quarant’anni di distanza, se siamo ancora in tempo per cambiare le nostre abitudini, se siamo ancora in tempo per un’ultima chiamata.

Ambrosoli. Qualunque cosa succeda

La storia di Giorgio Ambrosoli raccontata dopo trent’anni dal figlio, che ricostruisce i fatti attraverso i ricordi, le agende del padre, i documenti processuali, articoli e filmati d’archivio.

Ambrosoli. Liberi e senza paura

Il percorso che ha portato Umberto Ambrosoli alla candidatura in Lombardia. Un’intervista esclusiva, il lessico ambrosoliano, la cronaca delle primarie. Lo sguardo di un uomo sul patto civico che vuole rinnovare la società.

10 #natalibri, i libri per il Natale

Le vacanze di Natale sono il momento ideale per leggere: al calduccio, sotto una coperta morbida, con la neve che scende e non fa rumore. Ecco i nostri 10 consigli.