L’olio essenziale di mimosa

L’olio di mimosa viene utilizzato per la formulazione di profumi e di acque di colonia, dove si armonizza con aromi floreali e speziati.

Il profumo della mimosa, ci riporta alla rinascita primaverile, è potente e penetrante, rinnova una sensazione di benessere ed è profondamente seducente.

Come scrivono Maria Teresa Lucheroni e Francesco Padrini nel loro splendido e completissimo libro “Aromaterapia” (ed. fabbri 2001), permette alla donna di entrare in contatto con la sua femminilità, con la sua forza e il suo potere, dona brio e tranquillità interiore, calma l’eccesso di emotività e aiuta a sentirsi più forti e protetti. Apre le vie della comunicazione all’interno di una relazione. È indicato nella lampada per gli aromi, come profumo personale e per bagni aromatici, per aumentare il proprio benessere e per la cura della pelle sensibile e untuosa. Si armonizza molto bene con l’olio essenziale di lavanda, un’altra pianta che presenta spiccate affinità con le energie femminili.

mimosa fiore
La mimosa è utilizzata in aromaterapia © Ingimage

L’olio essenziale di mimosa, ecco un po’ di informazioni:

  • Curiosità: mescolato con l’incenso e annusato o applicato sul corpo prima di dormire, si dice che aiuti a …..sognare.
  • Parti utilizzate per estrarre l’olio essenziale: i fiori e gli steli dell’albero. L’essenza è ottenuta mediante estrazione con alcol. Non si può estrarre per distillazione perché il profumo è così tenuo e delicato che si altera con il calore.
  • Profumo: floreale, legnoso. Emana un aroma dolce e delicato.
  • Colore: giallo ambrato.
  • Energia: moderatamente yang.
  • Proprietà: astrigente, antisettico, depurativo, rilassante, antidepressivo, antiinfiammatorio.
  • Indicazioni: Stress, tensione nervosa, iperremotività, cura della pelle, formulazione dei profumi.
  • Avvertenza: da utilizzarsi solo per via esterna.

Articoli correlati