L’UE spinge per la ratifica del trattato di Cartagena

Cartagena : gli Ogm saranno tracciati e contingentati… Forse

L’Unione Europea farà ratificare agli Stati membri il
trattato che stabilisce le regole e le precauzioni ecologiche sul
commercio transnazionale degli Ogm.

Ora il trattato è più vicino all’entrata in
vigore.

L’Europa (15 Paesi) aderisce così in blocco al Cartagena
Protocol, volto alla protezione dell’ambiente dai possibili rischi
posti dalla diffusione incontrollata di Ogm nell’ambiente.

“Un esempio della volontà di trovare ‘soluzioni
multilaterali’ per i problemi globali” ha dichiarato il Commissario
europeo Margot Wallstrom. Il protocollo di biosicurezza di
Cartagena, stilato nella città colombiana nel 1999, vuole
stabilire regole sulla tracciatura degli Ogm quando vengono
trasportati da un paese all’altro.

Per entrare in vigore dovrà essere firmato da almeno 50 dei
110 stati firmatari: e al Segretariato del trattato pensano che
ciò potrebbe avvenire ai primi del prossimo anno. Gli USA
non fanno parte del trattato.

Uno dei tratti salienti del testo è che gli esportatori
devono ottenere un permesso da parte del Paese importatore prima di
far partire i loro carichi di Ogm (semi, pesci vivi) destinati a
essere diffusi nell’ambiente. E che le informazioni da far
pervenire allo Stato ricevitore dovranno essere precise e
attendibili. La Wallstrom è convinta che questa nuova norma
assicurerà uuna scelta ragionata e consapevole e
aiuterà quindi soprattutto i paesi in via di sviluppo, ai
quali spesso mancano le risorse per valutare i rischi delle
biotecnologie.

Articoli correlati