La Banca mondiale lancia l’alleanza salva oceani

La Banca mondiale ha lanciato l’alleanza “salva oceani”. L’unione comprende governi, organizzazioni internazionali e non governative.

L’annuncio è stato fatto dal presidente della
Banca
mondiale
, Robert B.
Zoellick
, nel corso del World
oceans summit
, la conferenza sulla conservazione degli
oceani, organizzata dall’Economist, che si è tenuta a
Singapore. Tra le organizzazioni che hanno aderito ci sono

Wwf
e Fao,
Unesco e
Unep, fino ad arrivare
all’Unione mondiale per la conservazione della natura, da sempre in
prima linea.

Secondo Zoellick, proteggere gli oceani è necessario
perché forniscono il 15 per cento delle proteine animali
consumate nel mondo, creano milioni di posti di lavoro e
garantiscono servizi all’ecosistema come la regolazione del clima e
lo stoccaggio della
CO2
.

 

La Banca mondiale ha deciso di mettere a disposizione, almeno
inizialmente, 300 milioni di dollari mentre a regime l’alleanza
dovrebbe godere di un fondo il cui budget complessivo si
aggirerà intorno ai due miliardi di dollari. L’obiettivo
principale su cui si comincerà a lavorare fin da subito
è la ricostruzione di almeno la metà degli stock
ittici mondiali.

Articoli correlati