Omeopatia

La cura in omeopatia

Scopo dell’omeopata é affrontare la malattia con una sola cura alla vota, non ha senso cercare di aprire la stessa porta con due chiavi

Il malato è come una serratura, e l’omeopata come un
fabbro che studiandola arriva ad individuare una chiave capace di
aprirla.
Una volta che il malato è stato curato, cessa la causa prima
che alimenta il problema. La
malattia
scompare, per così dire, dall’interno
e spesso lo fa in un tempo molto più breve che con altre
forme terapeutiche. Spesso si dice che l’omeopatia “funziona ma
richiede tempo”, questa affermazione è inesatta: dipende
dalla malattia che stiamo curando.

Un principio fondamentale dell’omeopatia
è che il rimedio curativo è uno e uno solo alla
volta… non ha senso far girare due chiavi nella serratura.
Se un leone entra in una stanza affollata, si può assistere
a reazioni diverse: una persona – presa dal panico – si lancia
dalla finestra; una seconda si mette a gridare; una terza si
aggrappa al lampadario; un’altra si finge morta; e l’ultima tenta
il tutto per tutto scagliandosi contro il leone. Sono strategie
diverse, diversi modi di affrontare lo stesso problema. La malattia
è come il leone; i malati sono invece le persone che lo
incontrano.

Aiutare ciascuna di queste persone, vuol dire potenziare le loro
capacità di difesa: dare una scala a chi vuol salire sul
lampadario; fornire un coltello al coraggioso che vuole lottare col
leone; e così via… dare un coltello al primo e una scala
al secondo sarebbe solo deleterio.

Ecco un altro principio dell’Omeopatia: la cura è
individuale…è come mandare l’organismo a lezione
anziché farlo “copiare” con farmaci che non correggono lo
squilibrio costituzionale.

In Omeopatia la terapia va scelta in
modo mirato, in funzione della strategia
adottata da ciascun malato.

Pierluigi
Lattuada

 

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Ricerca in omeopatia, il racconto di chi la fa in Italia

Con rigore e professionalità, i ricercatori italiani sperimentano l’omeopatia per approfondirne le dinamiche e gli utilizzi. Del resto l’omeopatia nasce proprio dalla ricerca: per mettere a punto e capire l’azione dei medicinali omeopatici, il Dottor Samuel Hahnemann sperimentava su se stesso, sui suoi familiari, amici e pazienti. Ad oggi digitando la parola ‘homeopathy’ su Pubmed,

Effetto placebo, l’omeopatia applicata alle piante lo smentisce

Ricerche in laboratorio hanno dimostrato che i vegetali, immuni dall’effetto placebo, se trattati con medicinali omeopatici reagiscono diventando più resistenti e più ricchi di sostanze nutraceutiche. Ce ne parla Lucietta Betti, già ricercatore confermato e docente di patologia vegetale e micologia.

Christian Boiron: l’omeopatia continuerà a crescere, da sola

Ci ha raccontato i suoi dubbi, il suo senso di responsabilità, la sua visione dell’omeopatia. Christian Boiron è il direttore generale del Gruppo Boiron, gruppo farmaceutico familiare e indipendente, fondato nel 1932 da due farmacisti, Jean e Henri Boiron, nei pressi di Lione. Oggi il gruppo conta quasi quattromila dipendenti (di cui duecento in Italia) e

Omeopatia vs allopatia, il più grande studio fatto in Francia, EPI3, dice che l’efficacia delle cure è la stessa

Si tratta del più importante studio farmaco-epidemiologico mai realizzato nel campo della medicina generale in Francia. Una ricerca indipendente durata 7 anni ha esaminato il decorso di migliaia di pazienti per stabilire se ci fossero differenze significative tra chi si curava per le malattie più comuni andando da medici allopatici (quelli “convenzionali”) o da medici

L’influenza non è solo una, ecco come difendersi

L’autunno è ormai iniziato e con esso sono tornate le cosiddette malattie stagionali, e su tutte l’influenza. Come prevenirla ed eventualmente curarla? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Tiziana Semplici, medico chirurgo specialista in nutrizione e in malattie dell’apparato digerente. Il virus dell’influenza è considerato il più grande trasformista in natura: cambia ad ogni stagione e

Allergie respiratorie e alimentari in primavera, curiamo i sintomi con l’omeopatia

Secondo stime recenti il 33,6 per cento degli italiani associa la primavera e i pollini nell’aria all’arrivo delle allergie e a soffrirne puntualmente in questa stagione sarebbe il 19,5 per cento della popolazione. Dati in costante aumento soprattutto nei centri urbani a causa dell’inquinamento atmosferico che indicano anche una crescita del numero di pazienti allergici a

Antonella Ronchi. Proteggiamo l’omeopatia italiana dalla disinformazione

Una giornata per festeggiare non semplicemente lo stare bene, ma lo stare bene naturalmente. Nel senso letterale di “in modo naturale”: è il senso di quella che da ormai più di un decennio è la Giornata internazionale dell’omeopatia che si celebra il 10 aprile nell’anniversario della nascita del medico tedesco Samuel Hanhemann, fondatore di quella che