La doccia a partire dai piedi

iniziate la doccia dai piedi, risalite verso l’inguine, poi passate alle braccia iniziando dalle mani. Alla fine bagnate addome, torace, viso e schiena.

Il contatto con l’acqua costituisce uno stimolo per l’organismo,
stimolo tanto più intenso quanto la temperatura della doccia
è distante da quella del nostro corpo. Ad esempio, 36°
Celsius costituiscono uno stimolo neutro, perché vicini alla
temperatura corporea.
L’acqua
più calda o più fredda
induce i pori ad aprirsi
oppure a chiudersi e attiva la circolazione, facendo fluire
più velocemente il sangue per mantenere stabile la
temperatura del corpo.

Un getto d’acqua che arriva dall’alto come in molte cabine-doccia
ha un effetto eccitante sul sistema nervoso e può essere
controindicato
soprattutto per persone nervose o sensibili. Questo ancora
più vero, se la pressione dell’acqua è forte e i fori
della doccia sono piccoli, “sparando” tanti sottili getti.

Farsi la doccia può essere un potente farmaco.
Stimola, infatti, la circolazione sanguigna e il lavoro del sistema
immunitario.
Le caratteristiche ideali della struttura sono:

  • tubo flessibile e lungo con testa “a telefono” per raggiungere
    agevolmente
    ogni parte del corpo;
  • getto regolabile in modo anche molto morbido ed uniforme.

Ed ecco come fare una “doccia tutta salute”:

  • iniziare con una abluzione calda;
  • far seguire una brevissima spruzzata fredda;
  • ripetere altre due volte il passaggio caldo-freddo, tenendo
    presente che il passaggio con acqua calda è più lungo
    e che si termina sempre con il freddo (o più tiepido,
    secondo la personale capacità di sopportazione).

In questo modo l’organismo si deve piegare ad una serie di rapidi
adattamenti, un vero e proprio allenamento alla variabilità
delle condizioni atmosferiche e una prevenzione contro i malanni di
stagione e le meteoropatie (la sensibilità al tempo).
Inoltre, la pelle viene ben nutrita dalla circolazione intensa e si
presenta più rosea e fresca, per molte ore.

Un accorgimento importante: iniziate la doccia dai piedi, risalite
verso l’inguine, poi passate alle braccia iniziando dalle mani.
Alla fine bagnate addome, torace, viso e schiena. Così lo
stimolo parte dalla periferia e raggiunge per ultimo il cuore,
facilitando il riflusso venoso del sangue verso il cuore.

Gudrun Dalla Via

Articoli correlati