Le ricerche che ci piacciono

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche degli Usa Una rivoluzione per la tutela della salute umana, con l?adozione di test di tossicità

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche degli Usa ha pubblicato il
rapporto ?Tossicologia del XXI secolo? commissionato dall?EPA,
Agenzia per la Tutela dell?Ambiente, presentandolo come ?un
avvenimento epocale, di quelli che hanno dato un nuovo corso alla
storia della scienza, come la scoperta della penicillina, quella
del DNA, la nascita del primo computer??

Il National Research Council (NRC), l?organo scientifico
più qualificato degli Stati Uniti, anticipa infatti una
rivoluzione scientifica. Una rivoluzione nei metodi usati per le
valutazioni di tossicità, (più che mai necessarie,
oggi, per la nostra sopravvivenza) che non si baseranno più
sull?inaffidabile ?modello animale?, definito ?non pertinente?, in
quanto le sue risposte non sono valide per l?uomo.

Una rivoluzione per la tutela della salute umana e di quella di
tutti i viventi, con l?adozione di test di tossicità
scientificamente affidabili. Una rivoluzione nel prendere
coscienza, anche se tardivamente, degli immensi potenziali di una
moderna, aggiornata ricerca scientifica, ispirata alle
straordinarie nuove conoscenze nel campo della biologia e della
genetica. Una rivoluzione per le aziende chimico-farmaceutiche che
potranno infine valersi di indicazioni utili per tutelarsi dai
rischi (inevitabili quando le indicazioni sono fornite da altre
specie e non sono dunque valide per l?uomo). Una rivoluzione per
cui molte associazioni si sono sempre battute (in prima fila in
Italia il Comitato Scientifico Equivita), facendo pressioni su
istituzioni, governi, scienziati.

Una rivoluzione che, come tutte le rivoluzioni, è stata
da tempo preannunciata, con le nuove idee illustrate sulle riviste
più accreditate nel mondo della scienza. Tra le molte:
Nature, British Medical Journal, New Scientist, Scientific
American, Sapere, Biologi Italiani, e, ultimissima, The
Scientist.

Una rivoluzione che ci farà entro breve sorridere degli
arcaici e poco scientifici metodi oggi ancora in uso. Ma che
verrà ancora per qualche tempo ostacolata, perché –
come preannuncia il NRC nel suo rapporto – un nuovo paradigma trova
sempre l?ostilità di chi è radicato alla cultura
imperante e difende lo status quo.

In Europa abbiamo quindi una preziosa ed unica
possibilità a legislatori e scienziati per applicare il
regolamento REACH. Una Rivoluzione, non ultima, per gli animali e
chi li difende. Il NRC rivela che, a causa delle prove fatte su
animali, molte sostanze chimiche, tutt?intorno a noi, hanno subito
fino ad oggi test inadeguati. La nuova visione della tossicologia
è incentrata sui modelli informatici, sull?epidemiologia, ma
soprattutto sullo studio in vitro della cellula umana. Tale studio,
grazie ai progressi della tossicogenomica, bioinformatica, biologia
sistemica, epigenetica e proteomica, è in grado oggi di
valutare i danni, anche a livelli genetico e anche a lungo termine,
recati da una sostanza. Consente inoltre di conoscere gli effetti
cumulativi di più sostanze, impossibili da studiare sugli
animali.

Fabrizia
Pratesi

Articoli correlati