La Scuola: chi ben comincia…

All’et

Andare a scuola è una prova importantissima per tanti motivi
perché coinvolge molti aspetti dello sviluppo psicologico,
è quindi fondamentale non andare incontro a fallimenti.
I bambini che hanno frequentato l’asilo nido sono avvantaggiati
perché hanno già fatto l’esperienza del distacco
dalla famiglia, quelli che non hanno fatto questa esperienza
potrebbero avere qualche problema, proprio per questo le scuole
organizzano un inserimento graduale spesso con la copresenza dei
genitori insieme alle educatrici-insegnanti. Ogni scuola ha le sue
modalità ma la finalità è sempre identica: far
sì che i bambini si adattino con serenità al nuovo
ambiente, ne accettino le regole e ne apprezzino i vantaggi.

L’aspetto più importante riguarda la separazione dalla madre
o dalla figura primaria di accudimento; va detto che per il bambino
è tanto più facile accettare il distacco se le figure
genitoriali hanno saputo creare in lui quella sicurezza di base e
quella serenità che è il trampolino di lancio per
affrontare le nuove esperienze caricandole di significati positivi,
ovvero il senso di curiosità e il piacere della scoperta. Se
papà e mamma hanno saputo trasmettere sicurezza il bambino
si sente amato e buono : avanzerà così verso nuove
scoperte e nuovi ambienti con il senso della grande avventura, non
sarà perciò difficile invogliarlo ad andare
all’asilo.

La prime domande da porsi quindi sono se il figlio è capace
di separarsi dai propri genitori o se è particolarmente
dipendente, che tipo di attitudine ha verso un ambiente nuovo. E’
importante essere a conoscenza delle tendenze del proprio bambino
prima che avvenga l’inserimento in modo da poter iniziare a
modificare eventuali difficoltà. L’estate può essere
pienamente sfruttata per abituare il pargoletto all’idea che le
separazioni sono solo temporanee e non comportano una diminuzione
dell’affetto : lasciarlo almeno qualche ora ad altri adulti, se non
è mai successo prima è senz’altro utile per aiutarlo
a sopportare meglio i cambiamenti.

Flavia Facco
Psicologa Psicoterapeuta

Articoli correlati