La Scuola Yang

Tra le diverse scuole di Tai ji quan, c’è la scuola Yang.

Taijiquan
Il fondatore Yang Luchan (1799-1872) apprese il Tai ji da Chen
Changxing. Pur non facendo parte della sua famiglia e grazie solo
alle sue eccezionali doti, si trasferì a Pechino dove venne
invitato ad insegnare presso la Corte Imperiale dei Qing: là
fondò la sua scuola.

Il suo insegnamento fu continuato dai suoi figli e poi dai nipoti,
Yang Chengfu (1883-1936) e Yang Shao Hou (1862-1930).
L’ultimo autorevole rappresentante della famiglia Yang fu Yang
Sau-chung (1909-1985), figlio maggiore di Yang Chengfu. Egli nel
1949 si trasferì a Hong Kong dove insegnò sino al
1985. Alcuni dei suoi fratelli più giovani vivono nel nord
della Cina.

Più di ogni altro Yang Chengfu negli anni ’20 e ’30
contribuì alla sistematizzazione e diffusione del suo
metodo, favorendo l’accesso alla scuola ad un gran numero di
studenti che a loro volta sparsero l’insegnamento in tutto il
Paese.

Il suo stile divenne il più conosciuto e fu la base delle
forme semplificate che vennero elaborate nella Cina popolare alla
fine degli anni ’50 ed insegnate su scala nazionale, assumendo
talvolta i caratteri di una ginnastica preventiva-conservativa
della salute, talaltra quelli di una disciplina psicosomatica
utilizzata a scopo terapeutico.

Ermanno Cozzi
Maestro di Tai ji quan

Articoli correlati
L’atteggiamento marziale

Grande importanza ha nelle arti giapponesi del Budo il modo di essere della persona di fronte agli eventi, non si tratta di un semplice atteggiamento formale, ma di qualcosa di più.

Novità dall’oriente in palestra

Tramontata l’epoca dell’aerobica e dello step tout court, la scelta oggi si orienta su pratiche orientali per fitness e bellezza. Come e quali scegliere.

Kokyu, la pratica del respiro

Attraverso la respirazione il Ki si accumula e riempie tutte le parti del corpo. Ma viene emanata come l’acqua che scaturisce inarrestabile solo quando corpo e mente sono sereni e distesi.