Spesa naturale, meglio fresca e locale

Per una spesa naturale ed intelligente scegliamo prodotti freschi e nostrani, senza additivi e preferibilmente da agricoltura biologica.

di Francesca Marotta

Per una spesa naturale scegliete alimenti semplici nonché freschi, piuttosto che alimenti conservati o molto sofisticati. A parte l’evidente minore impiego di energia e di materie prime necessari alla produzione dei cibi più semplici, anche qui si tratta di preferire i cibi che ci fanno più bene: tanto più un cibo è stato trattato, aromatizzato, colorato, stabilizzato, surgelato o addirittura irradiato, tanto più sarà povero in vitamine ed elementi nutritivi, e potrà anzi essere ricco di additivi potenzialmente nocivi o allergogeni.

spesa intelligente e sana
È meglio scegliere prodotti freschi e locali, ricchi di nutrienti e preferibilmente bio © Pexels

Una spesa intelligente, preferibilmente bio

Leggete sempre con estrema attenzione le etichette dei cibi confezionati, e scegliete sempre i meno complicati e con il minor contenuto possibile di additivi. Attenzione alle definizioni “ecologico”, “genuino” e “naturale”, che non hanno alcun valore e servono solo a invogliare il consumatore all’acquisto. I prodotti da agricoltura biologica, invece, sono dotati di un apposito marchio di certificazione, che va cercato in etichetta ed è rilasciato da uno degli enti certificatori attualmente riconosciuti in Italia.

Leggi anche: Agricoltura biodinamica, cos’è e come si pratica

Esotico o nostrano?

La frutta e la verdura importate sono solo apparentemente fresche. Sono state raccolte molto tempo prima di quando appaiono in negozi e mercati; nel frattempo sono state conservate in frigoriferi speciali ad atmosfera modificata, trattate con gas antiparassitari, e hanno avuto tutto il tempo di perdere buona parte del loro contenuto in vitamine, nonché del sapore.

spesa naturale e locale
I cibi importati perdono sapore, vitamine e nutrienti e spesso sono stati trattati con pesticidi © Pexels

Inoltre in molti paesi dove si coltivano frutta e verdura esotiche, vengono impiegati pesticidi e antiparassitari di sintesi il cui uso è vietato in Italia, proprio a causa della loro pericolosità. Nel fare la spesa, preferite quindi i prodotti tipici della vostra area geografica, e se possibile rifornitevi dal più vicino produttore, meglio ancora se usa sistemi di agricoltura biologica o biodinamica.

Articoli correlati
Biologico e salute, un binomio che convince

Il biologico è definitivamente uscito dalla nicchia: gli acquisti bio sono cresciuti anche nel periodo dell’emergenza coronavirus. Un riflesso del desiderio di un mondo più sostenibile, ma anche della consapevolezza di quanto il bio sia sicuro per la salute umana e dell’ambiente.