La stagione della Terra

La fine dell’estate corrisponde, nella Medicina Energetica Cinese, all’elemento Terra. La milza e lo stomaco sono gli organi collegati all’equilibrio

Nel volgere dell’anno, è il momento in cui ci si avvia al
raccolto degli ultimi frutti che la terra ha prodotto, il momento
in cui si inizia a provvedere all’assortimento delle provviste per
la stagione successiva.

Nella visione ciclica del tempo e dei fenomeni della natura che
caratterizza l’antico pensiero cinese (“teoria dei cinque
elementi”), la Terra è posta al centro degli altri quattro,
che sono il metallo, l’acqua, il legno ed il fuoco.

Gli elementi interagiscono fra loro in un campo ricettivo al cui
centro si trova la Terra, il quinto elemento, l’osservatorio umano
attraverso il quale l’uomo fa esperienza di tutti gli altri e
attraverso il quale gli altri elementi trovano la loro
manifestazione sul pianeta.
Per questo la tarda estate è detta anche “quinta stagione”,
che non corrisponde però solo al finire del periodo luminoso
dell’anno, ma anche agli ultimi diciotto giorni di ogni altra.

Come la Terra rappresenta il centro di ogni manifestazione sul
pianeta, così la Milza è posta al centro del corpo
(dal punto di vista energetico corrisponde alla zona
periombelicale).
Questo organo che, insieme allo Stomaco, è associato
all’elemento Terra, rappresenta e gestisce il nostro baricentro:
dal ventre infatti, e in particolare dall’ombelico, nasce la nostra
capacità di orientarci nello spazio e di cambiare direzione.
Rappresenta l’asse da cui parte ogni movimento energetico.

A dimostrazione che la Milza/Terra rappresenta il centro del nostro
essere fisico e psichico, sta anche il fatto che tutti i meridiani
energetici confluiscono nell’ombelico e da lì si dipartono
per seguire i differenti percorsi. L’ombelico è dunque una
vera e propria centrale di controllo energetico e in esso si
riflettono le caratteristiche essenziali della costituzione e della
personalità.

Numerose sono le funzioni energetiche della Milza: essa controlla
la digestione, il trasporto del nutrimento al resto del corpo e la
trasformazione dei liquidi. E’ l’organo addetto alla risalita del
Qi e al mantenimento del sangue nei vasi.

La tarda estate è la stagione in cui questi organi sono
soggetti ad un picco energetico, pertanto risultano più
sensibili alle patologie e allo squilibrio. La Terra, tra l’altro,
proprio perché sta al centro del sistema, è
l’elemento che gestisce l’equilibrio o, meglio, “gli” equilibri, e
quindi la fine dell’estate dovrebbe essere proprio la stagione che
li rappresenta.
Rapportando questo modello delle fasi stagionali al ciclo di vita,
nel periodo della Terra non si è né giovani né
vecchi e si dovrebbe vivere e gustare l’equilibrio che caratterizza
questa particolare stagione della vita.

Loredana
Filippi

Articoli correlati