La TAC ai pesci: stanno male

Notizia

Oggi e domani si riunisce a Lussemburgo (dalle ore 11) il Consiglio
dei ministri UE dell’agricoltura e della pesca.
Presiede la seduta Mariann Fischer Boel, ministro danese.

Anche se in agenda sono segnati temi che vanno dalla sicurezza
alimentare all’agricoltura, il clou della discussione si
raggiunge senza dubbio domani: si parla della nuova politica della
pesca in Europa.

I pesci si stanno estinguendo. Non sono più solo le
associazioni ambientaliste a dirlo. Da qualche mese la Commissione
europea e il Commissario Fischer manifestavano serie preocupazioni
per lo stato di salute degli stock di pesce nel Mediterraneo. Un
rapporto ufficiale della Commissione europea indica la
necessità, dietro “pareri scientifici”, di avviare una
drastica politica di riduzione del pescato: la TAC (Totali
ammissibili di catture) sarà stabilita per le specie che
sono state decimate da una pesca eccessiva. La preoccupazione
è che alcune specie ittiche abbiano già raggiunto un
livello critico e il loro declino sia irrecuperabile.

I pesci a rischio? Oltre al pesce spada e al tonno, ci sono anche,
è ufficiale, acciughe, sarde e sardine. Attenzione, quindi,
alle ricette con questi pesci, che sembrano così “comuni”.
Tra qualche anno potrebbero non esserlo più. Per sempre.

Articoli correlati