La tartaruga Emma

Un libro per bambini dai sei anni in su, che insegna loro come prendersi cura degli animali e cerca di responsabilizzarli.

Kira ha una tartaruga, Emma, ricevuta dalla sua insegnante di
danza. Emma è un animaletto davvero carino, simpatico, ma la
sua piccola padroncina nota qualcosa che non va nei suoi
comportamenti. Emma cammina male e continua a mangiare sabbia. Ma
perché fa così?
Kira ne parla con gli amichetti, Max, Lorenzo e Giulia per cercare
di capire qual è il problema e Max, intraprendente
veterinario ?in erba?, cerca di aiutarla, ma combina solo guai.
Solo la mitica veterinaria Mandy, detta Mandy Amanimali,
può aiutare Kira a capire cos?ha Emma!

Così la veterinaria Mandy spiegherà ai bambini che
cosa si nasconde dietro agli strani comportamenti della
tartarughina. E sarà una spiegazione che li lascerà
senza parole!

Patrocinato dall?Associazione Nazionale dei Medici Veterinari
Italiani, questo divertente e utile racconto è seguito da
un?appendice con consigli per prenderci cura nel migliore dei modi
delle tartarughe e con tanti suggerimenti per farle vivere in un
ambiente idoneo.

Un libro per bambini dai sei anni in su, che insegna loro come
prendersi cura degli animali e cerca di responsabilizzarli.
Possedere un animale implica amarlo e curarlo. E Mandy Amanimali
insegna come fare!


Silvia Passini

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

L’evoluzione a fumetto

Tutto evolve. Muta. Cambia nel corso del tempo. Dalle specie animali e vegetali alle nostre conoscenze, da un singolo festival al concetto di “cosa sia” arte a quello di “cosa sia” letteratura. Il Festival Internazionale del Fumetto, del Gioco e dell’Illustrazione parla proprio di questo.