La Via del Fuoco

Il Calore

Le due “vie femminili”, quella della Terra e quella dell’Acqua
portano rispettivamente, come abbiamo visto, alla Saggezza e al
Controllo.

Fondendosi, nella consapevolezza dell’Umano Risvegliato, queste
prime due Vie partoriscono la Conoscenza e chiudono il primo
cerchio del percorso, yogico, dell’evoluzione umana: il cerchio
della Volontà.

Con la Via del Fuoco, l’elemento che insieme all’Aria rappresenta
le due “vie maschili”, si apre il cerchio dell’Azione.

La caratteristica del Fuoco è il Calore ed il Calore
è l’energia che permette la vita su questo pianeta e che ci
distingue come esseri viventi. Tutto ciò che vive, nel
sistema di cui facciamo parte, che è appunto quello solare,
manifesta infatti un suo calore – non solo fisico ma energetico –
che precede quello metabolico.

Ogni manifestazione della vita ha un proprio calore, una propria
intensità che esprime anche involontariamente, nella
capacità di comunicare la propria vitalità. Come
esseri umani, ognuno di noi possiede una sua temperatura che non si
può misurare col termometro: ci sono persone la cui sola
presenza può scaldare, altre che ti fanno venire i brividi e
il cui solo sguardo ti raggela.

Chi ha in sé poco calore ha difficoltà a socializzare
e ad armonizzare; è interiormente rigido e non sa vibrare
con gli altri né mettersi in sintonia con l’ambiente che lo
circonda.

Condividere con altri delle passioni, delle esperienze, crea un
calore comune, una forza che scorre di persona in persona, tanto
che anche quando fa molto freddo si ha la sensazione che la
temperatura aumenti.

La Via del Fuoco insegna all’essere umano a dosare questo calore, a
regolare la propria fiamma; insegna a farlo circolare, senza
inibirlo ma anche senza bloccare nella sua espressione quello di un
altro.

Loredana Filippi

indietro

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.