Lavanda dalle mille virtù!

Una pianta a cui si possono tranquillamente affidare tutti coloro che vogliono ottenere con rimedi naturali un influsso benefico sull’animo, la lavanda.

Il momento giusto per la raccolta della lavanda coincide con la
fioritura della parte mediana della pannocchia, questo accade in
luglio e in agosto, a seconda del luogo di coltivazione.

Utilizzata sotto forma i tisana, di essenza aromatica, di tintura
madre, aggiunta all’acqua per il bagno, sotto forma di pomata, in
impacchi e in impiastri, oppure come olio per massaggi, la lavanda
è dimostrata un valido rimedio casalingo nella cura dei
problemi della pelle e dei disturbi bronchiali infantili. E non
solo, grazie ai suoi poteri distensivi e rilassanti l’essenza
profumata di lavanda rinvigorisce il corpo e l’anima.

La sostanza più importante per i suoi effetti terapeutici
contenuta nella lavanda è il
linalilacetato, uno dei principali responsabili
del caratteristico profumo della lavanda. Si suppone che il
linalilacetato, unitamente ad altre sostanze, stimoli la produzione
di serotonina nel cervello. La serotonina è un ormone che
agisce, come un messaggero dell’organismo, in maniera positiva
sull’umore e sullo stato generale di salute. Sembra che lo stress e
la sovrabbondanza di stimoli abbassino il tasso di serotonina
nell’organismo. Una carenza di serotonina può provocare
disturbi di origine nervosa: dai mal di testa ai problemi
digestivi, dai disturbi cardiocircolatori fino ai disturbi del
sonno e dell’alimentazione. Ed ecco come può aiutare il
linalilacetato: calma, alza il tono dell’umore, rilassa, scioglie
le paure.

Nell’essenza di lavanda è contenuta un’altra sostanza in
percentuali altrettanto notevoli: il linaiolo,
dalla straordinaria efficacia antimicrobica, combatte cioè
contro batteri virus e funghi. Il linaiolo è responsabile
del fatto che l’essenza di lavanda abbia un’azione
antinfiammatoria, rigenerante e antisettica.

Presenti in misura minore, ma ancora efficace, la
canfora e l’eucalipto
contribuiscono a determinare la tipica la tipica azione terapeutica
della lavanda: rinvigorente, stimolante, espettorante (fluidifica
la secrezione del catarro ed aiuta ad espellerlo dalla trachea e
dai bronchi), antispastica (provoca il rilassamento della
muscolatura, soprattutto digestiva), antinfiammatoria.

L’essenza di lavanda è proprio un rimedio ideale per
molteplici disturbi e non dovrebbe mai mancare nell’armadietto
delle medicine di casa.


Sonia Tarantola

Bibliografia:
G. Klemt- B. Mues,
Lavanda, rimedio naturale per mal di testa, disturbi
circolatori e insonnia
. Macro Edizioni

Articoli correlati