Best practice

Abbiamo analizzato gli alberi di Natale

Un albero di Natale di plastica PVC “pesa” 21 kg (in CO2) – nel senso del suo peso ambientale, calcolato con la LCA, la disciplina che studia i costi energetico-ambientali delle nostre attività.

E’ stato condotto uno
studio da LifeGate per RenoDeMedici
mirato a calcolare
con esattezza il peso energetico-ambientale di tutti i tipi di
“albero di Natale” oggi in commercio. Ogni dettaglio produttivo
è stato analizzato nell’ottica LCA – Life Cycle Assessment.
La ricerca ha dunque tenuto conto dell’intero ciclo di vita
dell’oggetto, dall’approvvigionamento delle materie prime sino allo
smaltimento, passando per la produzione, l’imballaggio e la
distribuzione.Il peggiore è risultato l’albero di Natale di plastica,
cioè con una struttura metallica e “aghi” in PVC (altezza
120 cm), che genera circa 21 kg di CO2; i modelli realizzati in
fibra polietilenica (PE), invece, genera circa 12 Kg di CO2.
L’albero di Natale in cartoncino riciclato ha dato il risultato
più basso in emissioni, con solo circa 2 kg.

Se tutti i 5 milioni di alberi di plastica venduti in italia
durante le festività natalizie venissero sostituiti da
alberi in cartone riciclato si risparmierebbero tra le 20 mila e le
70 mila tonnellate di CO2.

Questo è il motivo per cui
LifeGate ha scelto di patrocinare il nuovo albero di Natale della
Collection RenoDeMedici
, realizzato al 100% con fibre
di cartone riciclato.

Articoli correlati