Le pere di Pinocchio. 50 piccole cose per una sana alimentazione

Le pere di Pinocchio. 50 piccole cose per una sana alimentazione. Apogeo, 2006. Libro a Impatto Zero

Abbiamo un po’ perduto, tra l’uva d’aprile e pomodori d’inverno,
il gusto della stagionalità, il gusto di dire “che bello,
tra poco sarà la stagione delle fragole”. E’ un po’ un
peccato, per i sapori, per la salute, per l’ambiente.

I vegetali coltivati fuori stagione provengono generalmente
dalle serre. Subiscono numerosi trattamenti con prodotti chimici
che li aiutano a crescere e li difendono dalle malattie e dai
parassiti (queste piante infatti, coltivate in un periodo dell’anno
che non è quello naturale, sono più deboli).

I frutti di stagione invece, oltre che molto saporiti, hanno
avuto il tempo e la forza di sintetizzare i principi nutritivi che
li rendono preziosi per la salute. E arrivano in tavola esattamente
quando l’organismo ne ha bisogno.

Perciò in questo libro si trova un bel prontuario, mese
per mese, di quali frutti della terra cercare, o quali affrettarsi
a rincorrere perché tra poco… potrebbero non essere
più di stagione. Insieme a tante altre “piccole” cose che si
possono fare per mangiare meglio, provvedendo alla nostra salute in
modo preventivo ma senza perdere a del piacere della tavola – anzi,
proprio recuperando ritmi e gusti che la fretta e gli eccessi ci
hanno fatto dimenticare.

Altri assaggi? “Mangia primitivo”; “attenti agli
ingredienti-spia”; “mangia a colori”, “farlo strano”, “pensare con
la pancia”, tutti presentati, da buoni commensali, con arguzia e
sapore.

Il titolo si rifà a un aneddoto di Collodi. Mastro
Geppetto cede a Pinocchio la sua colazione, tre pere, ha solo
quelle. Capriccioso, Pinocchio ne sbafa solo la polpa. “E
cominciò a masticare. Da principio storse un po’ la bocca;
ma poi, una dietro l’altra, spolverò in un soffio tutte le
bucce: e dopo le bucce, anche i torsoli, e quand’ebbe finito di
mangiare ogni cosa, si batté tutto contento le mani sul
corpo, e disse gongolando: – ora sì che sto bene!”.

Un burattino che pare in linea con le migliori e più
nuove prescrizioni per una sana alimentazione, perché in
effetti bucce d’arancia, torsoli di mele e pere, semi d’agrumi ma
anche il cuore dell’ananas, il gambo di carciofi, le foglie verdi
dei rapanelli e delle carote sono fra le cose che in tavola non
vanno mai perché finiscono nella spazzatura; eppure – la
scienza lo riscopre continuamente – sono autentici concentrati di
sostanze benefiche!

Ah, c’è anche una sapida “nota” del bluesman Fabio
Treves. Perché, proprio come la sua musica, il cibo di cui
si parla è autentico, genuino, vero.

 

Articoli correlati
Curarsi con i cibi che si hanno in casa: rimedi e ricette in un manuale

Curarsi con i cibi che mangiamo è il punto di partenza per la nostra salute. “Gli alimenti possono essere la base e il sostegno di ogni terapia anche perché, al contrario di molti farmaci, vengono riconosciuti immediatamente dal nostro organismo“. Inizia così il libro Manuale pratico di rimedi naturali scritto dalla naturopata Angelica Agosta e