Le potenzialità dell’energia del vento

Negli ultimi 5 anni la potenza degli impianti eolici

La società “Sea Wind Europe” ha elaborato, su commissione
di Greenpeace international, uno studio per capire se è
possibile produrre entro il 2020 il 30% del fabbisogno europeo di
energia elettrica con la forza del vento. Il 30% corrisponde a 720
TWh all’anno (Tera Watt ora) o 720 milioni di MWh (Mega Watt ora).
La conclusione di “Sea Wind Europe” è sì, è
possibile arrivare ad avere 720 TWh di energia eolica all’anno.

La produzione di una potenza simile richiede l’installazione di
50mila turbine, del tipo più potente, sulle coste, dove la
forza del vento è più intensa che in altre zone.
Verrebbero toccate dalle pale il 3% delle coste europee.
Nel 2002 in Italia è stato prodotto 1,47 TWh di
elettricità con la forza del vento, in Germania 19,40 TWh.
Germania, Spagna, Danimarca, Gran Bretagna, Italia e Olanda hanno
prodotto nel 2002 complessivamente poco più di 37 TWh.
Oltre i benefici ambientali per via della fonte pulita e sicura, si
aiuterebbe anche l’economia e il mercato di lavoro in Europa, in
quanto si creerebbero 3 milioni di posti di lavoro ed un fatturato
annuo di centinaia di milioni di euro.

Mentre la Germania, attualmente il più grande produttore
di energia eolica, non ha problemi con l’impatto visivo delle
turbine sulle coste marine, in Italia incontrano molta
resistenza.
Installare le turbine in Costa Smeralda o sulle colline toscane
significherebbe di sicuro un intervento incisivo nel paesaggio. Ma
perchè non prendere in considerazione tutti quei tratti
delle coste italiane, che sono già deturpate da costruzioni
abusive e ora condonate? Inoltre, se le turbine per l’opinione
collettiva diventano un simbolo di progresso e di tecnologia
pulita, la loro percezione visiva può anche cambiare. Un
paragone con l’automobile, grande problema ambientale e sociale da
un lato, grande creatrice di libertà individuale da un
altro: viene pubblicizzata mentre corre in mezzo a paesaggi integri
e naturali. Non è una forzatura maggiore?

Articoli correlati