Legge delega sull’ambiente kaputt

Si 

Le associazioni ambientaliste si dicevano allarmate da questa
misura che metteva pesantemente mano sulla legislazione
ambientale.

Come un decreto “omnibus”, raccoglieva norme sparpagliate da
tutte le parti per riscriverle. Si parlava di sanatorie di opere
abusive e misure sui rifiuti, acque, acquedotti, fognature, difesa
del territorio, rifiuti e impianti di smaltimento e
bonifiche.

Un decreto legislativo composto di 700 pagine, che secondo il
governo faceva chiarezza, mentre secondo gli oppositori
avrebbe:
– messo in difficoltà le imprese e il territorio
– tolto alle Regioni la facoltà di decidere su molti
temi
– aumentato il contenzioso tra Regioni e Stato (già
ampiamente annunciato), e mettendo in ginocchio i comuni e l’intero
settore dei rifiuti.

Si usa il condizionale perché il presidente Carlo Azeglio
Ciampi ha rimandato indietro il decreto legislativo con una serie
di osservazioni che di fatto bloccano l’iter della legge.

Cos’è o, meglio, cos’era questa “legge delega
ambientale”?

Cosa sarebbe successo se Ciampi l’avesse firmata?

Ora che è stata respinta, si può dire “scampato
pericolo”?


Ascolta: Gaetano Benedetto, responsabile relazioni
istituzionali Wwf, ai microfoni di LifeGate Radio

Redazione
Ambiente

Articoli correlati
Conto termico: stanziati gli incentivi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stanzia i circa 900 milioni di euro l’anno per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti, attraverso un sistema di incentivi…

Il fotovoltaico diventa solidale

Conergy, azienda tedesca con sede anche nel nostro Paese, ha realizzato un nuovo impianto fotovoltaico per la Yaowawit School and Lodge, la casa di accoglienza e di formazione gestita dall’organizzazione…

La Bp pagher

La Bp ha ammesso le sue colpe e ha deciso di mettere la parola fine ai negoziati con i delegati dell’amministrazione Obama. La società britannica si è dichiarata colpevole dell’intero…

Il sole in Val di Non produce elettricit

Un impianto da 511,20 kWp di potenza in grado di produrre più di 500 MW all’anno, arrivando a coprire più del 34% del fabbisogno energetico dello stabilimento di produzione della…