Mantra

Il termine mantra viene dal sanscrito e vuol dire “strumento del pensiero, formula propiziatoria”; si tratta in realtà di “parole di potenza”

Il mantra costituisce uno strumento fondamentale nella scuola
buddista vajrayana e tantrica.

Nel senso attuale, il termine indica una formula magica, una
sillaba o una sequenza di sillabe, che l’adepto deve recitare
ritmicamente; l’utilità consiste nel fornire alla mente un
aggancio per evitare il pericolo di disperdersi nei mille pensieri
e favorire così la concentrazione.

Il termine viene dal sanscrito e vuol dire “strumento del pensiero,
formula propiziatoria”; si tratta in realtà di “parole di
potenza” che attingono alla forza vibrazionale del suono, nella
convinzione che il divino sia pura energia che si manifesta anche
tramite le onde sonore

Sono molto spesso formule segrete e, nelle iniziazioni indiane e
tibetane, vengono trasmesse soltanto da maestro ad allievo.

indietro

Articoli correlati