Mark Wallinger. Via Dolorosa e Ester

Le immagini, proiettate su uno schermo gigante, riguardano la passione di Cristo.

Via Dolorosa
Nasce a Milano, nel Duomo, la
prima cappella dedicata interamente all’arte contemporanea con una
videoinstallazione di 18 minuti creata da Mark Wallinger, affermato
artista inglese. Le immagini, proiettate su uno schermo gigante,
riguardano la passione di Cristo (tratte dalla pellicola del
Gesù di Nazareth di Franco Zeffirelli) sono cancellate dal
rettangolo nero che l’artista mette in primo piano. Il risultato
è uno schermo quasi totalmente nero: rimane una cornice nel
quale si possono a mala pena riconoscere le scene del film, ma
è il quadrato nero che occupa la maggior parte dello
schermo.

Due aspetti rendono unica l’intera operazione:
1) Il fatto che sia un’esibizione stabile. Via Dolorosa va infatti
ad integrare il corredo artistico della Cattedrale milanese,
ponendo un gesto di grande fiducia nelle tecniche e nella poetica
dell’arte contemporanea.
2) Si tratta di una delle prime esperienze di videoarte collocata
al di fuori di uno spazio museale, in un luogo religioso, adiacente
alle reliquie del grande pastore Carlo Borromeo, liberamente
accessibile senza ticket d’ingresso.

Easter…

Easter
Dal 23 settembre al 27 novembre all’Hangar Bicocca, in Viale Sarca
336 a Milano altre opere di Mark Wallinger.
Il progetto Ester, prevede un’istallazione concepita appositamente
per questo grande spazio – 15.000 mq con una navata di 7.000 mq –
che, per maestosità della sua struttura architettonica,
è un luogo di straordinario fascino e di forte impatto
emotivo, particolarmente adatto alle opere d’arte contemporanea, di
cui esalta il significato e la peculiarità.

Ester è composta da sedici bandiere appese sui due lati
della navata. La storia della Union Flag è essa stessa la
storia delle diverse tradizioni religiose del Regno Unito. La
bandiera creata da Mark Wallinger è l’unità di due
termini contraddittori, in cui i colori tradizionali del Regno
Unito, blu e rosso, sono stati sostituiti da quelli complementari,
verde e arancione, del tricolore irlandese. Una bandiera
impossibile quindi, come impossibile è l’alleanza tra
cattolici nazionalisti e protestanti unionisti.

Le bandiere tracciano inoltre una processione – alludendo a una
parata religiosa o alle tradizionali marce della comunità
protestante irlandese – e suggeriscono con forza l’attuale momento
storico e la sua prospettiva futura.
Insieme a Ester saranno esposte altre tre opere di Mark Wallinger:
due videoinstallazioni, Angel del 1997 e The Underworld del 2004, e
la scultura Ecce Homo del 1999.

Angel: in questo lavoro l’artista impersona la Fiducia
Cieca, un angelo che, con gli occhiali scuri e un bastone bianco,
cammina sul posto, ripetendo incessantemente i versetti del
Vangelo. La particolarità del film è che si svolge a
rovescio: redenti e condannati sono sapientemente manovrati
all’interno su e giù per le scale. Tutto ciò che
succede è già successo. In questo lavoro l’artista
esamina in particolare la questione della fiducia, della
predestinazione e della visione.

The Underworld: un’imponente video installazione culturale
costituita da 21 schermi monitor girati sottosopra, collocati sul
pavimento a formare un cerchio chiuso che riflette la dannazione
eterna dei Gironi Infernali dell’Inferno di Dante. Le immagini sono
riprese da una registrazione televisiva di un’esecuzione dal vivo
del Requiem di Verdi. Ciascuno schermo esegue simultaneamente
l’intero requiem al rovescio.

Ecce Homo: esposta a Trafalgar Square, a Londra nel 1999 e
alla Biennale di Venezia nel 2001, è una delle opere
pubbliche più coinvolgenti degli ultimi anni. Scultura a
grandezza naturale in resina bianca marmorizzata, che raffigura un
uomo in piedi con un drappo intorno ai fianchi, le mani legate
intorno alla schiena e una corona di spine dorata in testa.
L’artista ha voluto mostrare Gesù come uomo normale,
perché Gesù è stato il primo vero leader
politico della gente oppressa. Il messaggio è inoltre legato
al concetto di democrazia: la possibilità di libera
espressione di diritti di minoranze, non la possibilità per
la maggioranza di intimidire, emarginare e fustigare.

Sonia Tarantola

Ester: Hangar Bicocca, Viale Sarca 336
Aperta tutti giorni, tranne il lunedì dalle 11 alle 19.
Info: tel-.335 7978214

Articoli correlati
L’evoluzione a fumetto

Tutto evolve. Muta. Cambia nel corso del tempo. Dalle specie animali e vegetali alle nostre conoscenze, da un singolo festival al concetto di “cosa sia” arte a quello di “cosa sia” letteratura. Il Festival Internazionale del Fumetto, del Gioco e dell’Illustrazione parla proprio di questo.

MITO Settembre Musica 2009

Parole d’ordine: diffondere cultura. Cultura della musica d’arte, musica di altissima qualità e di tutti i generi, dal pop al rock, dalla musica classica al jazz, all’avanguardia.

Detto… fatto! Ecco cos’è la responsabilità sociale

Quante sono, in Italia, le aziende che hanno deciso di adottare un comportamento etico, responsabile dal punto di vista sociale ed ambientale, pur senza rinunciare a un giuso profitto? Le incontriamo al salone “Dal dire al fare” sulla Responsabilità Sociale.

MoTechEco 2008

Saranno quattro giorni densi di incontri, convegni, mostre. Gli stand presenteranno tutte le soluzioni per muoversi “pulito”.