Meditare al lavoro

“…ricorda: non importa quale lavoro fai, non e’ quello lo scopo della tua vita; puoi fare qualsiasi cosa”.

“Puoi essere un ciabattino, puoi essere un falegname, puoi essere
un ballerino o un musicista – non ha alcuna importanza. Qualsiasi
cosa ti dia beatitudine, qualsiasi cosa ti dia pace, qualsiasi cosa
porti in te una maggiore
consapevolezza
, qualsiasi cosa renda la tua vita colma
di gratitudine….qualsiasi lavoro andrà bene. Il lavoro in
se non e’ importante, il fattore decisivo e’ ciò che accade
dentro di te, mentre fai quel lavoro.” (Osho, da “Meditazione,
motivazione e management”)

Il lavoro
è un elemento essenziale della vita e, per questo, influenza
così tanto il benessere e la felicità individuale.
Gli interventi di formazione aziendali forniscono, normalmente,
modelli e regole “teoriche” cui attenersi per cambiare il
comportamento. Purtroppo, dato che sono teoriche, possono essere
usate solo a livello razionale e quando sei sotto pressione ti
abbandonano.
Con la meditazione è possibile vivere il lavoro in modo
più autentico e positivo, meno schiavi dei condizionamenti e
dello stress, senza perdere di vista il senso nostro
esistere
.

Oggi il mondo del lavoro è sempre più complesso: da
un lato ci sono meno certezze – il famoso impiego sicuro sembra
sempre di più una reliquia del passato – dall’altro si
aprono opportunità sempre più ampie. Le nuove
generazioni si dicono contente di questi nuovi spazi di
libertà
e di avventura: sentono la
possibilità di esprimere il meglio per essere protagonisti
creativi della propria vita professionale. Le generazioni
più “mature” si stanno, con maggiore o minore entusiasmo,
adattando alle nuove esigenze del mercato: anche chi è
salito in alto può essere rimosso dal suo incarico – senza
molti complimenti – nelle fasi di riorganizzazione aziendale. Viene
oggi richiesta a tutti elasticità, respons-abilità,
impegno e risultati d’eccellenza anche a chi vorrebbe ….
“cavalcare solo al trotto”, e/o è poco adatto ad una
situazione così instabile e precaria.

La meditazione è la risorsa che può fare la
differenza, in quanto porta ad ogni individuo maggiore
consapevolezza: aiuta a centrarsi, ad abbassare la soglia dello
stress e a relazionarsi con gli altri da uno spazio di
autenticità
e reale ascolto.
Portando i benefici della meditazione sui luoghi di lavoro
migliorano le prestazioni individuali grazie ad una riduzione delle
tensioni emotive dovute a sovraccarichi di lavoro e
responsabilità, migliorano i rapporti con i propri colleghi
e con i clienti, migliora la qualità del lavoro.

Nirvana
Consulting

Articoli correlati