Feldenkrais: consapevolezza del movimento

Feldenkrais: un’integrazione dolce e intelligente delle diverse parti unita ad una profonda osservazione, riscoprono movimenti spariti dall’alfabeto motorio

Le lezioni, organizzate secondo Feldenkrais, non sortiscono alcun
effetto senza reale attenzione da parte degli allievi.

La Consapevolezza Attraverso il Movimento (CAM), consiste in
semplici sequenze di movimento, guidate dalla voce dell’insegnante,
proposte a gruppi non molto numerosi di persone. Una lezione in
genere può durare da 30 minuti a 60, ed ognuna è
strutturata intorno ad una funzione specifica. Questa è una
peculiarità del metodo, che invece di proporre esercizi
ripetitivi fine se stessi, ha un’immediatezza pratica quasi
magica.

Durante le lezioni di Feldenkrais l'insegnante non mostra i movimenti da svolgere o le posizioni da assumere e l'allievo non cerca di uniformarsi a un modello ideale. Ogni persona viene guidata verbalmente a trovare i movimenti più adatti alla sua organizzazione.postura Il sistema di apprendimento è maggiormente basato sulla consapevolezza dei propri schemi, sulla sperimentazione di percorsi alternativi e sull'applicazione di continui aggiustamenti. Sarà la parte più antica del sistema nervoso a decidere le modifiche possibili in base agli stimoli ricevuti.
Durante le lezioni di Feldenkrais l’insegnante non mostra i movimenti da svolgere o le posizioni da assumere e l’allievo non cerca di uniformarsi a un modello ideale.
Ogni persona viene guidata verbalmente a trovare i movimenti più adatti alla sua organizzazione.postura Il sistema di apprendimento è maggiormente basato sulla consapevolezza dei propri schemi, sulla sperimentazione di percorsi alternativi e sull’applicazione di continui aggiustamenti. Sarà la parte più antica del sistema nervoso a decidere le modifiche possibili in base agli stimoli ricevuti.

È la lezione collettiva che conduce all’esplorazione delle
potenzialità di ognuno. Attraverso facili esercizi,
l’allievo impara dal corpo messo nelle condizioni di ritrovare
varietà di movimenti dimenticati. Grazie ad un’integrazione
dolce e intelligente delle diverse parti, unita ad una profonda
osservazione, si riscoprono movimenti spariti dall’alfabeto
motorio. Questo porta ad un miglioramento generale della postura
che, col tempo si riorganizza. Riscopriamo il piacere di muoversi
liberamente.
Compiere i gesti in modo facile e piacevole, aiuta a muoversi con
eleganza, liberi dal dolore che spesso può impedire anche
azioni molto semplici come stare seduti o camminare.

Molte lezioni sono basate su movimenti evolutivi complessi e
attività funzionali abituali. Altre consistono in
esplorazioni astratte di articolazioni, muscoli e relazioni
posturali. Gli allievi esplorano il movimento del proprio corpo
prestando attenzione alla relazione tra le diverse parti. Questo
coinvolge diversi aspetti: pensiero, sensazione, movimento e
immaginazione. I movimenti proposti sono agevoli e facili, che poco
alla volta diventano più comodi e ampi, ma anche più
complessi.

La concentrazione posta sui mezzi e i modi con cui raggiungere lo
scopo, piuttosto che sullo scopo in sé, è un modo per
ridurre la tensione. Tutti gli esercizi ideati mirano a conseguire
coordinamento mentale e fisico e in particolare una buona postura
eretta, uniti ad un corretto modo di agire.

Maria Luisa Tettamanzi

Articoli correlati