Rimedi naturali

Metodologia di riferimento nella malattia

Un vero naturopata, considera la malattia e il paziente come risultato di un insieme di fattori, l’importanza di riempire un vuoto è un punto di partenza

Un vero naturopata considera la malattia e il paziente come risultato di un insieme di fattori psichici, fisici, sociali, spirituali. Il suo compito quindi è di cercare di riempire quel vuoto creato dalla medicina ufficiale anche per un’eccessiva tendenza al ricorso alla strumentazione che ha ridotto il rapporto medico-paziente a un fatto solo tecnico.

malattia naturopatia
Infusi, erbe e loro derivati vengono prescritti in: fitoterapia, aromaterapia, medicina cinese, indiana ayurvedica, andina © Matt Montgomery/Unsplash

La metodologia più diffusa e riconosciuta

  • Utilizza luce, calore, colore e altri fattori fisici naturali (fisioterapia, idroterapia, iridologia, talassoterapia, urinoterapia, riflessoterapia, massaggi, osteopatia, chiropratica, cromoterapia, moxibustione, ecc);
  • Prescrive infusi, erbe e loro derivati (fitoterapia, aromaterapia, Fiori di Bach, medicina cinese, indiana ayurvedica, andina, ecc);
  • Tonifica e disintossica l’organismo, stimolano le naturali funzioni metaboliche (revitalizzazione con cellule vive, preparati organoterapici, ozono, ossigeno, omotossicologia, cure del digiuno, naturismo, ecc);
  • Somministra farmaci naturali in dosi bassissime, scelte individualmente (omeopatia, oligoterapia, saliterapia, ecc);
  • Interviene con la pressione delle dita e con l’agopuntura nei sistemi di comunicazione dell’organismo e dei ritmi vitali;
  • Magnetoterapia, cromoterapia, moxibustione, ecc;
  • Terapie attraverso la mente, lo spirito e la filosofia (medicina psicosomatica, tecniche di distensione, ipnosi, orgonomia, yoga, Zen, Tantra).

Va in ogni caso precisato che le medicine naturali alle quali si fa riferimento si basano su un iter diagnostico-terapeutico e quindi vanno tenute distinte dalle pratiche che si richiamano ad atteggiamenti o stili di vita generici, a dottrine pseudoesoteriche o che utilizzano strutture non eventualmente controllabili.

di Gabriele Bettoschi

Articoli correlati