Milano. Edilizia green in Porta Genova

Un progetto di ristrutturazione edilizia su di uno dei palazzi storici della città, affidato al gruppo di architetti di Cucinella.

L’area di intervento (25mila mq), collocata in una posizione
semi centrale della città, in prossimità della
stazione di Porta Genova e a circa 2 km dal Duomo, è
destinata ad assumere particolare rilevanza nell’ambito urbano di
Milano in vista dell’attuale riconversione della zona in polo della
moda, del design e della cultura.

L’intervento previsto, il cui costo si aggira sui 23 milioni di
euro, ha come obiettivo la creazione di una centralità
urbana, la piazza interna, che accoglierà servizi al
quartiere e alle aziende che qui si insedieranno.
Un insieme di architetture trasparenti garantiranno la
permeabilità fra spazio urbano esistente e la nuova piazza
interna.
L’architettura è stata affidata allo studio MCA Mario
Cucinella Architects, risultato vincitore di una gara
internazionale di progettazione.

L’utilizzo di facciate innovative, sistemi fotovoltaici per la
produzione di energia rinnovabile
, tensostrutture in acciaio e
vetro, impianti di climatizzazione ad irraggiamento, pavimenti
sopraelevati con predisposizioni per cablaggi e sistemi di building
management.

Il progetto riguarda la ristrutturazione di quattro edifici degli
anni sessanta.
La maggior attenzione e quindi il maggior intervento viene
realizzato nell’edificio posto sulla via Bergognone. Le facciate
esistenti sono sostitute secondo un nuovo disegno e gli ascensori
sono riposizionati per un migliore funzionamento dell’edificio.
L’ingresso principale al complesso avverrà da un taglio
effettuato demolendo una piccola parte dell’edifico su via
Tortona.

Sulle coperture degli edifici verranno realizzate alcune zone a
giardino per riqualificare gli stessi e alcune parti saranno
dedicate agli impianti.
E’ prevista la copertura parziale della corte con una struttura
metallo-vetro al fine di proteggere le zone di accesso.
La copertura avrà anche funzione di protezione solare dagli
edifici con un beneficio sui consumi energetici estivi.


Tomaso Scotti

Articoli correlati