Miti, leggende e realtà. Ingratitudine

Da fiabe e leggende di Leonardo da Vinci.

– Oh, quei colombi, come si vogliono bene! – diceva un giorno il
cane del contadino col naso puntato verso la colombaia.
– Stanno sempre vicini, si baciano, si fanno tanti complimenti: qui
nel pollaio, invece, c’è sempre battaglia, sempre baruffa in
famiglia –
– Povero grullo – gli rispose un gallo appollaiato sopra una
carretta. – Tu non li conosci. I colombi sono l’ingratitudine in
persona. Finché sono piccoli, son tutti babbo e mamma; ma
quando sono grandi e non hanno più bisogno di essere nutriti
dai genitori, lo sai che cosa fanno? Si rivoltano contro il padre,
si azzuffano ogni giorno con lui, e non sono contenti finché
non l’hanno scacciato di casa.
Poi quegli ingrati, gli rubano perfino la moglie, dimenticando che
è la loro mamma –
(da Leggende: Ingratitudine. H. 7 r.)

Realtà:

La realtà è molto semplice e non va ricercata
indagando il mondo dei piccioni, ma quello degli uccelli in
generale.
Facendo attenzione si nota che Leonardo nella leggenda sottolinea
che i figli cresciuti si azzuffano col babbo, non con la mamma. E
se avesse proseguito l’indagine avrebbe probabilmente scoperto che
quelli che litigavano con papà non erano le femminucce,
bensì i maschietti. Perché? I maschi degli uccelli
sono territoriali cosa che li rende veramente irascibili coi simili
dello stesso sesso; in questo caso i figli dei colombi, che
raggiungono la maturità sessuale a meno di un anno,
sviluppano gli istinti di territorialità anche nei confronti
del padre, considerato semplicemente un rivale.
Altra considerazione: l’accoppiamento con la propria madre. Succede
spesso nel regno animale, ma è ovviato talvolta dal fatto
che i maschi vengono allontanati dal gruppo o dal branco (cetacei,
per esempio). I colombi ed i piccioni sono animali che spesso
vivono nei pressi dell’uomo o ne sono addirittura
addomesticati.
Ne consegue che l’abbondanza di cibo, dovuta alla presenza
dell’essere umano, renderebbe riluttante ad andarsene anche il
più “duro” degli animali e di conseguenza la madre,
all’occasione, diventa una semplice femmina.

Articoli correlati
Ghepardo (Acinonyx jubatus)

Per le caratteristiche morfologiche, i ghepardi sono classificati in un gruppo a parte rispetto a tutti gli altri Felini. Strutturalmente è la Ferrari del mondo animale: una macchina da corsa perfetta!

La ricerca possibile senza animali

E’stata lanciata la campagna “Ricerca senza animali” che si propone di informare sulle attività delle associazioni che finanziano la ricerca medica e in particolare sulla destinazione delle donazioni che esse ricevono.