Monferrato Doc Bianco “Pafoj” 2007

Claudio Icardi ha fatto del biologico e della biodinamica un modo di vivere e una filosofia applicata a ogni suo gesto. da qui nasce il “Pafoj”

E? un vero portabandiera di queste tecniche che applica con
passione sui vigneti che gestisce personalmente, con il supporto
della sorella Maria Grazia e del padre Pierino, che ancora oggi, a
75 anni, va per campagne ad ?annusare? vigneti da comprare e
coltivare, scegliendo quelli meglio esposti ma soprattutto quelli
dove la mano dell?uomo, nel tempo, è intervenuta raramente.
Un affidabile talent scout dei filari dove la chimica non ha mai
attecchito.

Dalla sua cantina arrivano sempre vini straordinari. Non fa
eccezione questo Monferrato Doc Bianco, il “Pafoj” 2007, prodotto
da uve sauvignon e chardonnay. Un bianco dal colore giallo dorato
intenso, con ottimi riflessi brillanti.

I profumi sono molto ampi, con gradevoli note di agrumi e di
pesca. Al naso si percepisce soprattutto una piacevole sensazione
di freschezza, legata principalmente a una nota molto fruttata.
In bocca ha un ingresso seducente e fresco, che ricorda il pompelmo
e la frutta esotica come il mango. Il sapore finale è invece
molto persistente e anche in questo caso richiama a delle note
fruttate che possono ricordare i frutti esotici.

Ottimo in abbinamento a piatti di pesce al forno, va servito in
bicchieri di media ampiezza di circa 5-6 cm. all’imboccatura. Una
curiosità finale: il nome deriva dalla traduzione in
dialetto piemontese di ?mica matto?. Perché matto, folle,
foj, era considerato dagli amici Claudio Icardi quando decise di
usar determinate preziose uve in assemblaggio anziché in
purezza. Il grande risultato ha dimostrato che matto non lo era
davvero, pa foj dunque.

Prezzo enoteca 20 euro
Gradazione alcolica 14%

Icardi
Via Balbi 30
12053 Castiglione Tinella (Cn)
tel.: +39.0141.855159 fax: +39.0141.855416
email: [email protected]

A cura di
Il Mio Vino

Articoli correlati
Arriva vino in festa!

Dal 14 maggio all’11 giugno un mese dedicato all’incontro con Bacco, seguendo il vino delle diverse cantine, delle imprese dei vignaioli altoatesini,

Monteu Roero e il suo vino.

Nel cuore del Piemonte, terra di grandi rossi, si produce pure un vino bianco eccellente, l’Arneis, tipico del Roero. La famiglia Negro, per prima, ha trasformato questo vino, un tempo dolce, in un bianco secco di grande pregio. Il Perdaudin 2008 ne