Moria di api in America Latina

In questi giorni la FAO ha prodotto un rapporto sulla situazione delle api nel mondo.

Da tempo in Europa e America Latina è stato lanciato un
allarme che riguarda la scomparsa di questi insetti
importantissimi. Che succede in America Latina? Ce lo racconta
Federico Mastrogiovanni del Centro Ricerca dell’Occhio del
Riciclone.

Si fanno sempre più frequenti, in America Latina, le
notizie riguardanti la scomparsa di interi allevamenti di api. Per
comprendere l’importanza di questi insetti ricorderei una frase di
Albert Einstein che sosteneva che “se l’ape scomparisse dalla
faccia della terra, all’uomo rimarrebbero solo pochi anni di vita”.
Dal rapporto FAO di questi giorni risulta che delle 100 specie
vegetali che provvedono alla sussistenza alimentare di 146 paesi,
ben 71 sono impollinate dalle api.
La scomparsa di questi insetti preoccupa molto non solo gli
apicoltori, ma gli stessi governi, che devono far fronte ad un
drammatico crollo della produzione dei prodotti impollinati dalle
api.

In particolare cosa succede in America Latina?

In Ecuador apicoltori e scienziati dell’Università Cattolica
si sono uniti per cercare risposte a molte domande, come ad esempio
il motivo per cui le api continuano a morire, perché non
tornano agli alveari e volano fino alla morte e perché negli
ultimi anni sono molto meno resistenti alle malattie.
Le risposte sono da cercare nei cambiamenti climatici e nell’uso
smodato di pesticidi chimici. Anche in Uruguay la situazione
è allarmante e sono state messe sotto accusa alcune case
produttrici di pesticidi altamente tossici come il “Gaucho”, lo
“Yunta”, il “Bagual”, il “Winner” e il “Pride”, che risultano
essere la principale causa della moria di api, oltre che fonte di
inquinamento anche per gli esseri umani. In Uruguay l’uso di questi
pesticidi è aumentato in pochi anni del 7mila% in
conseguenza del boom della soia.

Quindi ci stiamo avvicinando alla previsione di Einstein?

Per il momento questa previsione appare ancora lontana, ma è
certo che il fenomeno della moria di api non va sottovalutato e si
sta lavorando per trovare delle soluzioni che proteggano questi
insetti così fondamentali per la vita dell’uomo.

www.occhiodelriciclone.com

 

Articoli correlati