Nat Geo Music per l’Earth Day: si alza la voce del Sud

Ma non c?

“Siamo orgogliosi di essere qui – sostengono i salentini Sud
Sound System – perché siamo sempre stati sensibili ai temi
ambientali, come dimostrano le nostre canzoni. Per esempio, in
‘Acqua per questa terra’, parliamo proprio dello sfruttamento
indiscriminato della natura: dobbiamo ricordarci che noi, esseri
viventi, viviamo su un altro essere vivente, la Terra, e non in
ambiente creato esclusivamente a nostro piacimento che possiamo
sfruttare all?infinito. Purtroppo l?uomo di oggi si sente superiore
alla natura e pensa di poter vivere in una società usa e
getta, dobbiamo invece tenere a mente che a si crea e a si
distrugge”.

Alessandro Coppola, voce dei Nidi d?Arac, pone l?accento su
quanto ognuno di noi possa fare concretamente giorno per giorno,
adottando uno stile di vita più ecosostenibile: “La tutela
dell?ambiente parte anche da gesti quotidiani di riduzione degli
sprechi: dobbiamo tutti fare un piccolo sforzo, rinunciare ad
alcune delle nostre comodità per far piacere alla terra,
perché solo così saremo ripagati in futuro”.

L?Earth Day, tuttavia, non è solamente un?occasione per
parlare dello stato di salute del pianeta, ma anche per ripensare
alle proprie radici, al rapporto con la terra madre: un altro tema
caro agli artisti intervenuti nella serata del 22 aprile. Nel caso
dei Sud Sound System e dei Nidi d?Arac, si tratta della stessa
zona: “Veniamo da una regione, la Puglia – dicono i primi – che
anni fa manteneva ancora un aspetto bucolico; ora invece è
stata radicalmente trasformata, al punto da essere diventata, a
causa dell?ILVA di Taranto, il primo produttore italiano di
CO2”.

Più complesso il rapporto raccontato da Alessandro
Coppola: “Sono felice di essere un ambasciatore per la cultura
salentina, ma ovviamente ho sviluppato con la mia terra di
provenienza un rapporto di amore-odio come quello che ha chi lascia
la famiglia di origine per trasferirsi in un?altra città:
sai che non vuoi stare lì, ma quando sei lontano ti
manca”.

Il rimpianto per il passato, però, non deve lasciare
spazio alla rassegnazione nel presente. Si può fare ancora
molto per salvaguardare la natura ? lo hanno sottolineato tutti gli
artisti del concerto, Cesaria Evora, Saba, Vinicio Capossela ? e la
musica resta uno straordinario veicolo per diffondere questo
messaggio.

Olimpia
Ellero

Articoli correlati
Conto termico: stanziati gli incentivi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stanzia i circa 900 milioni di euro l’anno per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti, attraverso un sistema di incentivi…

Il fotovoltaico diventa solidale

Conergy, azienda tedesca con sede anche nel nostro Paese, ha realizzato un nuovo impianto fotovoltaico per la Yaowawit School and Lodge, la casa di accoglienza e di formazione gestita dall’organizzazione…

La Bp pagher

La Bp ha ammesso le sue colpe e ha deciso di mettere la parola fine ai negoziati con i delegati dell’amministrazione Obama. La società britannica si è dichiarata colpevole dell’intero…

Il sole in Val di Non produce elettricit

Un impianto da 511,20 kWp di potenza in grado di produrre più di 500 MW all’anno, arrivando a coprire più del 34% del fabbisogno energetico dello stabilimento di produzione della…