Ogm

Niente OGM nel BIO: il Parlamento Europeo respinge la soglia dello 0,9%

Grande vittoria del Movimento biologico italiano che si batte da mesi contro la proposta inserita nel nuovo regolamento sul biologico

Ogm

Il Parlamento europeo ha respinto la proposta di inserimento di
una soglia dello 0,9% di tolleranza di Ogm anche nei prodotti
biologici, come già avviene per quelli convenzionali.
Lo ha fatto approvando oggi l?emendamento 171, che richiede
l?esclusione della dicitura ?Biologico?, dall?etichetta dei
prodotti ?la cui contaminazione accidentale da parte di OGM superi
la soglia rilevabile dello 0,1%?. Considerando i margini di
approssimazione minimi delle rilevazioni, lo 0,1% significa
in pratica un?esclusione completa dalla contaminazione di organismi
transgenici
nei prodotti da agricoltura biologica.

?Il voto europeo rispecchia la sensibilità dei cittadini
europei che non vogliono gli Ogm nei campi e nel cibo?, commenta
Andrea Ferrante, presidente dell?Associazione Italiana Agricoltura
Biologica.

Altrettanto importante è la decisione del Parlamento Europeo
di rimandare in Commissione Agricoltura il testo della proposta,
per dirimere il conflitto di competenze tra Consiglio Europeo e
Parlamento, riguardo la capacità decisionale sulla
regolamentazione di questo settore.

?Il voto di oggi è un chiaro segnale del Parlamento Europeo
alla Commissione Europea e al Consiglio d?Europa, per un biologico
che non può avere tracce di Ogm ? dice Ferrante – Si tratta
di rispettare il diritto dei cittadini a mangiare cibo non
contaminato, e il diritto dei produttori a non essere
contaminati?.

Il presidente di AIAB aggiunge: ?Questo voto rafforza la posizione
tenuta fino a oggi dal governo italiano nell?ambito della
definizione del nuovo regolamento europeo per l?agricoltura bio,
per un biologico completamente integro e non contaminato da
pesticidi e da Ogm, così com?è stato fino a oggi.
Tocca ora al Consiglio Europeo rispettare la volontà dei
cittadini europei, e al nostro ministro per le Politiche agricole
utilizzare al meglio questo voto di straordinaria importanza?.

Comunicato stampa AIAB

Articoli correlati