Note profumate all’Aromaterapia

Gli oli essenziali sono miscele di sostanze presenti sotto forma di minuscole goccioline nelle foglie, nei fiori, nella buccia dei frutti, nella resina e nel legno di molte piante.

Note inebrianti. Solubili in olio e in alcool, gli oli essenziali penetrano nel
corpo fisico per inalazione e per assorbimento attraverso i pori
della pelle, agendo in modo gentile ma efficace, portando sollievo,
togliendo l’ansia e allentando le tensioni muscolari, favorendo in
sostanza il benessere psico-fisico.

Nel 1800 venne ideato, ad opera di un profumiere francese di nome
Presse, un sistema di classificazione delle fragranze in base alle
note musicali. Ciascun profumo a seconda delle sue caratteristiche
rientra in una delle tre “note”.

La nota di base
E’ la nota bassa,
caratteristica delle fragranze ricche e gravi, che si manifestano
lentamente e che permangono per lungo tempo quando vengono
utilizzate o diffuse. A questa nota appartengono i profumi densi,
caldi e pesanti, gli oli ricavati da legni, resine e spezie. Basta
annusare tali essenze per percepirne l’aroma nella parte bassa del
corpo, la zona dove sono concentrate le passioni più
ancestrali e istintive provenienti dall’elemento terra. Hanno un
effetto tonificante e aiutano a dare stabilità e forza.
Le essenze che appartengono alla nota di base sono le seguenti:
basilico, cannella, cedro, cipresso, chiodi di garofano, finocchio,
ginepro, incenso, legno di rosa, mirto, pino mugo, patchouli,
sandalo, zenzero.

La nota di cuore
La nota di cuore è
caratteristica delle essenze dal profumo morbido e floreale. Gli
oli essenziali appartenenti a questa nota sono ricavati dai fiori,
riescono a “toccare il cuore” ed hanno effetti riequilibranti e
vitalizzanti. Nell’annusare queste essenze si percepisce il loro
aroma all’altezza del petto, nel nostro cuore, dove è
possibile sublimare gli istinti in emozioni, dove si percepisce
l’amore e il nostro Io personale si amplia nella comunicazione e
nello scambio reciproco con gli altri.
Le essenze di cuore sono le seguenti:
camomilla selvatica, geranio, lavanda vera, neroli, pino silvestre,
origano, rosmarino, salvia sclarea, verbena, ylang ylang.

La nota di testa
Le essenze leggere e fresche, con un alto tasso di vaporazione e
un profumo fruttato e aspro, appartengono alla nota di testa. Sono
le essenze che in una composizione aromatica si avvertono per
prime, hanno una vibrazione alta e sottile. Annusandole se ne
percepisce l’aroma nella testa, la parte del corpo dove tutto
diventa rarefatto ed etereo. Hanno un effetto calmante sul sistema
nervoso, rendono chiare le idee e agiscono sul morale donando
serenità. Le essenze che appartengono a questa nota sono le
seguenti: arancio amaro, arancio dolce, bergamotto, cajeput,
citronella, eucaliptus globulus, gelsomino, menta piperita, mirra,
pompelmo, salvia officinalis, tea tree, timo rosso.

Di seguito alcuni oli essenziali e le loro proprietà

Per ogni nota vediamo ora uno specifico olio essenziale e le sue
proprietà:

Incenso: è una nota di base, il suo
profumo è particolarmente indicato per la meditazione in
quanto ha la proprietà di congiungere la materia al mondo
sottile dello spirito. E’ il purificatore per eccellenza, stimola
l’attività mentale e calma i sentimenti tormentati.

Ylang Ylang: è una nota di cuore. La
forza inebriante dell’aroma ha un potente effetto liberatorio ed
è dunque di grande aiuto nei problemi di repressione della
femminilità, per allontanare incertezze, per dissolvere le
delusioni e liberare i sentimenti bloccati. Calma, distende e
rilassa.

Arancio Amaro: è una nota di testa dalla
fragranza agrumata e ha la proprietà di rendere la vita
più semplice e gioiosa. E’ un’ottima essenza per i bambini
perché favorisce il sonno e ha un effetto leggermente
tranquillante. E’ utile per trattare disturbi nervosi, angosce ed
agisce efficacemente anche sulla pelle, rassodandola, curando gli
eczemi e la dermatosi.


Anna Poletti

Articoli correlati