Tutti i numeri di Area C

Il sito lavoce.info ha pubblicato una fact box sull’Area C, un articolo con tutti i risultati raggiunti dalla congestion charge del comune di Milano.

Il 25 luglio l’Area C è stata sospesa in
seguito a una ordinanza del Consiglio di Stato. Il proprietario di
un’autorimessa che si trova in centro aveva presentato ricorso
perché i suoi affari avevano subito un crollo. Nonostante
questo, l’amministrazione milanese non si è data per vinta
anche perché l’iniziativa aveva riscosso un grande
successo.

 

I numeri più importanti apparsi nell’articolo “Area C, un successo. E può rinascere” di
Andrea Boitani riguardano la riduzione del
traffico, degli incidenti e delle emissioni dei principali
inquinanti.

 

Dal 16 gennaio 2012 (giorno dell’entrata in vigore) gli
ingressi nella cerchia dei bastioni sono calati
del 34 per cento rispetto all’anno precedente, quando era attivo
l’Ecopass, mentre nell’intera area milanese il traffico si è
ridotto del 6,9 per cento.

In parallelo “la velocità commerciale dei mezzi pubblici di
superficie [è] aumentata del 6 per cento e gli
incidenti si [sono] ridotti del 28 per cento”.

Ultimo dato, ma non meno importante, quello riguardante
l’inquinamento: pm10 (-22 per cento), ammoniaca
(-15 per cento), ossidi di azoto (-20 per cento), anidride
carbonica (-22 per cento).

 

Il 17 settembre l’Area C è pronta a
ripartire
. La nuova delibera contiene alcune correzioni che
hanno tenuto conto delle indicazioni del Consiglio di Stato e un
protocollo d’intesa con l’Associazione provinciale autorimesse.
Queste potranno applicare tariffe più competitive che
faranno concorrenza alle aree di sosta gestite dal comune. Un
ottimo esempio di come i diversi poteri possano collaborare e fare
la propria parte per difendere l’interesse dei cittadini.

Articoli correlati