Nuove regole per la pesca

Franz Fischler, Commissario Europeo alla Pesca, lancia l’allarme: “l’imminente riforma della Politica Comune della Pesca deve essere fatta fino in fondo”.

Non è un’associazione ambientalista che prende questa
posizione, ma Franz Fischler: “Purtroppo abbiamo sfruttato il
nostro capitale fino all’osso. Non siamo mai stati efficienti nel
catturare i pesci come adesso, ma siamo anche arrivati a trovarci
di fronte alle conseguenze di uno sovrasfruttamento degli
ecosistemi marini: in numerose zone le specie sono talmente
decimate che continuare a pescarle significa mettere in pericolo la
loro sopravvivenza. In queste zone la pesca spesso ha risultati
talmente scarsi che non vale più la pena. Di conseguenza o
si pescano gli ultimi esemplari delle specie in estinzione, o si va
a pescare in altre zone che a loro volta sono ormai
sovrasfruttate… I risultati di questa politica: le imprese
falliscono, posti di lavoro vanno persi, intere regioni costiere
vanno in crisi. I governi non possono più continuare a fare
la politica dello struzzo e tramandare i problemi ai loro
successori. Nell’interesse dell’industria del pesce e delle
generazioni future dobbiamo interrompere questo circolo
vizioso…”.

A Bruxelles l’argomento “pesca” è di grande
attualità, perché entro il 2002 dovrà essere
approvato un nuovo statuto per la Politica Comune della Pesca. Esso
dovrà stabilire nuove regole valevoli per i prossimi dieci
anni.
Intanto è stato realizzato un libro verde dove vengono elencati, punto per
punto, problemi da risolvere e mete da raggiungere. Questo libro
rappresenta la base sulla quale lavorano Fischler e il suo
staff.

Mentre sui nostri giornali si legge poco o niente sull’argomento,
il settimanale americano “Time” ha pubblicato un articolo
approfondito e ha elencato anche di quanto dovrà ridurre
ogni paese europeo il tonnellaggio della flotta dei pescherecci.
All’Italia toccherà ridurlo del 9% corrispondente a 2986
tonnellaggi. Quasi sicuramente verranno ridotte o eliminate le
molte sovvenzioni che ricevono i pescherecci, e le tecniche che
danneggiano di più i fondali, come la pesca con le reti a
strascico, dovrebbero essere vietate. Secondo Fischler verranno
stanziati dei soldi per indirizzare in altri settori chi perde il
posto di lavoro con l’aiuto di corsi di aggiornamento. Di sicuro
c’è da aspettarsi nel prossimo futuro un po’ di “movimento”
nel settore.

Rita
Imwinkelried

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.