Obama e McCain, chi il pi

Come sar

La campagna presidenziale americana si è giocata molto
sulla politica energetica futura del Paese. E le scelte energetiche
degli Usa, si rifletteranno poi in tutto il globo.

Ecco un rapido riassunto sull’approcio alla questione energetica
dei due ex candidati: il democratico Barack Obama e il repubblicano
John McCain.

CAMBIAMENTO CLIMATICO

  • Obama vuole tagliare dell’80% le emissioni
    di CO2 – riferite ai livelli del 1990 – entro il 2050. Inoltre
    punta sulla riduzione delle emissioni anche tramite l’utilizzo di
    carburanti alternativi – che dovranno coprire il 10% – entro il
    2020.

  • McCain era per un approccio analitico dei costi-benefici.
    Voleva arrivare ad un taglio del 30% delle emissioni di CO2 entro
    il 2050.

NUCLEARE

  • Obama non è contrario al nucleare, ma afferma che
    è necessario stabilire un adeguato piano di stoccaggio ed
    eliminazione delle scorie.
  • McCain prevedeva di costruire, entro il 2030, 45 nuovi reattori
    nucleari, portando avanti 100 nuovi progetti.

DIPENDENZA DAL PETROLIO

  • Obama, prima di tutto, vuole ridurre l’uso del petrolio minimo
    del 35% entro il 2030. Il restante lo vuole importare dai Paesi
    Opec.
  • McCain ambiva che gli Stati Uniti fossero indipendenti dal
    petrolio straniero entro il 2025.

RICERCA SU RINNOVABILI

  • Obama vuole investire, nei prossimi 10 anni, 150 miliardi di
    dollari in tecnologie a basse emissioni, la maggior parte di questi
    in biomasse, solare, eolico; vuole investire nella
    commercializzazione delle auto ibride e in progetti per ridurre le
    emissioni.
  • McCain ha offerto un premio di 300 milioni di dollari alla casa
    automobilistica che svilupperà le batterie del futuro per
    l’alimentazione delle auto – questo aiuterà gli Usa ad
    affrancarsi dalla dipendenza del petrolio. Voleva investire 2
    miliardi l’anno per le tecnologie a ‘carbone pulito’.

ELETTRICITA’

  • Obama punta alla produzione di energia elettrica da fonti
    rinnovabili come fotovoltaico ed eolico: il 25 % del fabbisogno
    dovrà essere coperto entro il 2025.

  • McCain voleva rinnovare la rete elettrica nazionale in modo che
    avesse la capacità di ricaricare le automobili elettriche su
    vasta scala. Puntava, inoltre, a sensibilizzare i propri elettori
    sul tema dell’efficienza energetica.

Staremo a vedere se Obama manterrà fede ai suoi
impegni.

Rudi
Bressa

Articoli correlati
Conto termico: stanziati gli incentivi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stanzia i circa 900 milioni di euro l’anno per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti, attraverso un sistema di incentivi…

Il fotovoltaico diventa solidale

Conergy, azienda tedesca con sede anche nel nostro Paese, ha realizzato un nuovo impianto fotovoltaico per la Yaowawit School and Lodge, la casa di accoglienza e di formazione gestita dall’organizzazione…

La Bp pagher

La Bp ha ammesso le sue colpe e ha deciso di mettere la parola fine ai negoziati con i delegati dell’amministrazione Obama. La società britannica si è dichiarata colpevole dell’intero…

Il sole in Val di Non produce elettricit

Un impianto da 511,20 kWp di potenza in grado di produrre più di 500 MW all’anno, arrivando a coprire più del 34% del fabbisogno energetico dello stabilimento di produzione della…