Occhio al falso cioccolato

Attenzione al falso cioccolato . In Italia, se nel cremino ci sono grassi vegetali, è obbligatorio scrivere sulla confezione che si tratta non proprio di cioccolato puro con burro di cacao, ma di “surrogato” di cioccolato. O – era obbligatorio. Invece, secondo la Corte di Giustizia dell’Unione europea, le sostanze vegetali diverse dal burro di

Attenzione al falso cioccolato . In Italia, se nel cremino ci sono grassi vegetali, è
obbligatorio scrivere sulla confezione che si tratta non proprio di
cioccolato puro con burro di cacao, ma di “surrogato” di
cioccolato. O – era obbligatorio.

Invece, secondo la Corte di Giustizia dell’Unione europea, le
sostanze vegetali diverse dal burro di cacao “non modificano la
natura del cioccolato stesso”.

L’Italia e la Spagna avevano imposto a quei prodotti al cacao che
non usano burro di cacao ma grassi vegetali (una specie di
margarina di cioccolato) il nome di “surrogati di cioccolato”.
Denominazione che, secondo Bruxelles, impedisce la libera
circolazione delle merci e sottopone i produttori a spese eccessive
di confezionamento.

Nell’Unione Europea, la produzione di cioccolato è
regolamentata da una direttiva del 1973, che fissa il contenuto
minimo di burro di cacao, e da una seconda direttiva, varata nel
2000 ma che entrerà in vigore a giugno, che autorizza
l’aggiunta di sostanze grasse vegetali fino ad un massimo del 5%.
Proprio su questa direttiva s’era scatenata un’ondata di proteste,
perché il sospetto è che potesse consentire ai
produttori addirittura l’uso di grassi transgenici.
Secondo la UE, per tutelare i consumatori è sufficiente
l’indicazione sull’etichettatura: “contiene grassi di
sostituzione”.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Origine dei cibi presto in etichetta

Con l’approvazione del ddl sulla competitività agroalimentare da parte dell’aula della Camera arriva per la prima volta anche lo stop alle pratiche commerciali sleali nella presentazione degli alimenti per quanto riguarda la reale origine geografica degli ingredienti. E’ quanto afferma con soddisfazione la Coldiretti nel sottolineare la novità, introdotta con un emendamento al provvedimento, che

Ogm: chiesta etichettatura per latte, carne e uova

Greenpeace la consegna oggi a Markos Kyprianou, il Commissario europeo per la Salute e di fronte alla sede della Commissione Europea verrà posizionato un serpentone di 500 metri, realizzato con le firme dei cittadini europei. Con la normativa europea introdotta nel 2004, tutti i prodotti, contenenti o derivanti da un ingrediente con più dello 0,9

Etichetta obbligatoria per i cibi Ogm

Forse un passo avanti nella battaglia ai cibi geneticamente modificati. Dopo un interminabile negoziato, il Consiglio dei ministri dell’Agricoltura UE, ha finalmente preso una decisione sull’etichettatura: d’ora in avanti, ha sentenziato l’Unione Europea, se la presenza di Ogm (nel caso in cui la coltivazione sia autorizzata) supera lo 0,9% sarà obbligatorio indicarlo al consumatore sull’etichetta.

L’UE ha dato un’altra prova della sua determinazione a mantenere ferma la sua posizione sulle etichette da apporre ai cibi OGM. Secondo i documenti inoltrati alla World Trade Organisation, l’Europa cita “provi molto forti che i consumatori europei sono molto interessati a sapere se il loro cibo è derivato da organismi geneticamente modificati”, scrive oggi

Un referendum potrebbe dare per la prima volta in USA la possibilità ai cittadini americani di scegliere se vogliono o no sapere se il cibo che mangiano è geneticamente modificato o no. (etichetta) Si chiama Measure 27: è un referendum indetto nello stato dell’Oregon, il primo di questo genere in USA; è stato incluso nella

L’USDA (il ministero dell’Agricoltura USA) richiederà che – Al più tardi entro il mese prossimo – tutti i cibi posti in vendita con il marchio “organic” dovranno essere certificati secondo linee-guida regolamentari governative. Vi saranno ispettori che verificheranno che gli ingredienti dei prodotti siano almeno per il 95% privi di ogni residuo chimico. Le nuove linee-guide miglioreranno

Una stragrande maggioranza di cittadini esige ingredienti OGM tracciati e con tanto di etichetta . La ricerca della Consumers’ Association ha trovato che il 94% di coloro a cui è stato chiesto se volevano che tutti i prodotti contenenti OGM fossero etichettati come tali ha risposto affermativamente. E l’87% dice anche che anche se un

Secondo un provvedimento deciso dalla Commissione Europea, dal prossimo primo gennaio tutto il pesce venduto al dettaglio dovrà essere accompagnato da un’etichetta che indichi il nome commerciale della specie, il metodo di produzione (acquacoltura o pesca ‘classica’) e l’area in cui la cattura ha avuto luogo. Secondo le intenzioni della Commissione, la nuova misura dovrebbe

OGM e sicurezza: le ultime proposte

Ecco, riassunti, i punti fondamentali di una proposta che si prefigge di regolamentare uno dei settori più “a rischio” per la salute dell’uomo e dell’ambiente. Tracciabilità: un codice identificherà il tipo di modifica genetica subita da qualsiasi Ogm prodotto o importato. La Commissione europea terrà un registro degli Ogm da consultare in caso di eventuali