Omeopatia

Omeopatia e gravidanza, una scelta possibile

E’ questo il periodo ideale per scoprire la medicina omeopatica che con i suoi rimedi privi di effetti collaterali si prende cura di mamma e bimbo. Una buona scelta da fare

Nel cercare la soluzione ai comuni disturbi della gravidanza spesso le future mamme si sentono dire dal proprio medico o dal farmacista che “non c’è a in commercio che possano prendere”.Fare una scelta,  avvicinarsi alla medicina omeopatica in questo delicato momento significa non solo testarne i reali benefici, ma porre le basi per un approccio olistico ai propri e ai futuri problemi di salute del bimbo in arrivo. Vediamo ora un quadro delle situazioni più comuni in gravidanza con i relativi rimedi, sui quali è bene in ogni caso consultare l’omeopata che sarà in grado di differenziare i trattamenti caso per caso. NAUSEA

  • SEPIA 9 CH (3granuli 3 volte al giorno) per nausee al risveglio e all’odore del cibo
  • IPECA 9 CH se è presente anche il vomito accompagnato da salivazione intensaPROBLEMI CIRCOLATORI
  • HAMAMELIS 5CH (3 granuli 3 volte al giorno) per gonfiore degli arti inferiori, varici dolenti
  • COLLINSONIA 9 CH da associare in caso di emorroidiPROBLEMI GASTROINTESTINALI
  • HYDRASTIS CANADENSIS 9 CH (3 granuli 3 volte al giorno) in caso di stipsi caratterizzata da assenza di stimolo
  • ROBINIA 5 CH (3 granuli 3 volte al giorno) per il bruciore di stomaco e il reflusso gastroesofageoPROBLEMI DELLA PELLE
  • CAULOPHILLUM 5 CH (3 granuli 3 volte al giorno) per le macchie di colore brunastro
  • SYMPHYTUM 5 CH per prevenire le smagliature dal 4° mese in poiAnna Paioncini

Articoli correlati
Effetto placebo, l’omeopatia applicata alle piante lo smentisce

Ricerche in laboratorio hanno dimostrato che i vegetali, immuni dall’effetto placebo, se trattati con medicinali omeopatici reagiscono diventando più resistenti e più ricchi di sostanze nutraceutiche. Ce ne parla Lucietta Betti, già ricercatore confermato e docente di patologia vegetale e micologia.