Ora l’Università è più accessibile

IBM e Politecnico di Milano hanno siglato un accordo con l’obiettivo di promuovere un programma con l’obiettivo di favorire l’accessibilità alla tecnologia.

Su questa lunghezza d’onda si inserisce questa iniziativa,
finalizzata in primo luogo a diffondere le tecnologie disponibili
per migliorare l’accessibilità a persone con
disabilità sensoriali e motorie.

Particolare attenzione verrà data allle soluzioni
mobile in ambiente wireless, in modo da
consentire a studenti con disabilità del Politecnico, di
adottare in modo interattivo e dinamico nuove tecnologie e nuove
modalità di accesso ai sistemi informativi ed ai contenuti
didattici.

Inoltre grazie a Mobile Wireless Accessibility, una decina di
studenti con gravi disabilità, avranno a disposizione uno
smartphone mobile in cui sono concentrate tutte le
attività normalmente svolte sul tradizionale computer e sul
telefono cellulare, una totale integrazione quindi tra telefonia
fissa e mobile.

Per i ragazzi costretti in carrozzina, sarà reso
disponibile lo sviluppo, la sperimentazione e la documentazione di
soluzioni che favoriscano tecnologie specifiche come ad esempio
l’utilizzo del joystick, come unica interfaccia.

IBM è impegnata da molti anni a livello nazionale, anche
tramite la sua Fondazione, a promuovere progetti ed iniziative che,
attraverso l’utilizzo della tecnologia, migliorino la
qualità della vita delle persone con disabilità sia
all’interno sia all’esterno dell’azienda; un esempio di questo
impegno è il Programma “Academic Partnership”, volto alla
collaborazione con Università selezionate per favorirne
l’accessibilità da parte degli studenti con
disabilità.

Rudi Bressa

Articoli correlati