Panasonic. Obiettivo ambiente raggiunto

Raggiunti gli obiettivi fissati per il 2010. Taglio delle emissioni negli stabilimenti, nuovi prodotti eco-compatibili, nuova coscienza ambientale per i dipendenti.

Progettare e lanciare prodotti ad alta efficienza energetica e a
basso consumo, ridurre le emissioni in tutte le unità
produttive, promuovere impegno e coscienza ecologica tra i
dipendenti. Questi gli obiettivi che Panasonic ha raggiunto grazie
al programma “Eco ideas”.
Prossimo passo diventare, entro il 2018, la prima azienda per
innovazione ambientale nel settore dell’elettronica di consumo.

Tra i prodotti “Eco ideas” l’azienda ha immesso nel mercato 20
nuovi prodotti definiti “Superior Green Products”, definiti come
elettrodomestici che raggiungono il massimo livello di
eco-compatibilità. Tra questi il Sistema Home cinema
Panasonic SC-PT480, il DVD Recorder DMR-EX83, la lavatrice
NA-147VB2 e la fotocamera digitale DMC-FP1/FP2. Il marchio ‘eco
ideas’ permette ai consumatori di riconoscere immediatamente questi
prodotti e spiccano tra gli altri per il loro basso consumo
energetico.

Panasonic concentra gli sforzi ambientali anche all’interno
dell’azienda; tra i propri dipendenti: in Europa sono state
attivate oltre 40 iniziative ambientali che hanno visto la
partecipazione di oltre 3000 dipendenti. Tra gli altri, la
piantumazione di oltre 12.645 alberi, l’adozione di animali in via
di estinzione e la partecipazione all’evento Earth Hour organizzato
dal WWF.

“Siamo particolarmente orgogliosi di aver raggiunto e, in alcune
aree, superato gli obiettivi ambientali previsti per il 2009 –
sottolinea Laurent Abadie, Presidente e CEO di Panasonic Europa –
un risultato reso possibile avendo sempre considerato l’ambiente
come punto di riferimento di ogni nostra attività: dalla
ricerca e sviluppo, alla distribuzione, alla produzione e al lavoro
dei nostri dipendenti”.

Il programma “Eco ideas” include inoltre tutte le attività
all’interno degli stabilimenti produttivi, in tutta Europa:
l’azienda ha così ridotto le emissioni di CO2 di 21.400
tonnellate nel 2009. L’obiettivo che prevedeva un taglio del 10% o
di 6000 tonnellate di CO2, è stato raggiunto e
abbondantemente superato arrivando al 34%.

Articoli correlati