Panorama volta pagina e diventa a Impatto Zero!

Panorama, il celebre periodico settimanale, è il primo grande newsmagazine ad aderire al progetto Impatto Zero di LifeGate per la riduzione delle emissioni.

‘Panorama’ è proprio il primo.

E’ il primo newsmagazine italiano. Fondato nel 1962, settimanale
dal ’67 con la direzione di Lamberto Sechi, oggi è leader in
Italia sia in diffusione sia in raccolta pubblicitaria.

Da oggi, con la direzione di Pietro Calabrese, e per sei mesi,
‘Panorama’ aderisce a
Impatto Zero
: è il primo grande newsmagazine
settimanale che si impegna a far piantare, in Costa Rica, un numero
di alberi tale da riassorbire l’anidride carbonica emessa nel ciclo
di produzione della rivista.

Dal 22 giugno, e fino alla fine del 2007, Panorama uscirà
con il bollino verde, cioè sarà prodotto in armonia
con l’ambiente. LifeGate, con Impatto Zero, ha calcolato che la
quantità di anidride carbonica, emessa per la stampa della
rivista in sei mesi sarà controbilanciata contribuendo alla
creazione e alla tutela di circa 3 milioni di mq di foreste in
crescita, necessari a riassorbire la CO2 e le emissioni di gas a
effetto serra. Panorama contribuirà a riqualificare e
riforestare due riserve in Costa Rica, con alberi di specie
autoctone, di età giovane e in forte crescita, perciò
capaci di assorbire molta anidride carbonica.

“Gli alberi piantati bilanciano 5.595.620 chilogrammi di carta
consumata in sei mesi –
prosegue il servizio del puntuale Sciortino
– oltre a
colla, inchiostro, lastre d’alluminio, trasporti”. Il primo
articolo è spalleggiato da un’intervista di Alfonso Pecoraro
Scanio: “Avete preso la strada giusta”…

Grazie a Impatto Zero saranno create e tutelate foreste in
crescita in aree critiche della terra, delle ‘aree verdi per
sempre’: riserve destinate per statuto a conservare il patrimonio
naturale e a tutelare gli ecosistemi presenti con un alto grado di
biodiversità. Il programma garantisce la certezza della
salvaguardia nel lungo periodo delle nuove foreste e delle foreste
in crescita da inquinamento, incendi e attacchi parassitari.

Articoli correlati