Per sempre presente: 35 anni di Pubblicità Progresso

Propone 33 campagne realizzate con i migliori professionisti, creativi e art director italiani che hanno collaborato gratuitamente

“A favore della raccolta del sangue”, “Per una corretta
informazione sull’Aids”, “A favore dell’inserimento dei giovani nel
lavoro”, “Contro il maltrattamento dei minori”, “Contro il
razzismo”… una successione di immagini e spot a volte
impertinenti, spesso ironici, sempre profondamente onesti.

Le campagne di Pubblicità Progresso accompagnano la
società e la cultura italiana da 35 anni: un vero e proprio
specchio dei mutamenti della società attraverso le sue
aspirazioni e i suoi ideali.

La mostra è un’occasione per conoscere da vicino il
lavoro dei professionisti della comunicazione ispirati
dall’imperativo etico di diffondere il seme di una coscienza
collettiva solidale, attenta e sensibile alla dignità della
persona umana, dell’ambiente e dello sviluppo sociale.

Triennale di Milano. Viale Alemagna, 6 Dalle ore 10.30
alle 20.30 Tutti i giorni escluso il lunedì

Sonia
Tarantola

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Milano, cani in aula per aiutare i bambini con difficoltà a leggere ed esprimersi

Un’empatia intima, naturale che si sviluppa con lo sguardo, con la postura, con la vicinanza. Grazie a due “cani lettori”, Ruh e Belle, un gruppo di bambini con difficoltà di linguaggio e di espressione ha scoperto il piacere della lettura. Il tutto nella scuola Giovanni Battista Perasso di via Bottego, nella periferia di Milano, grazie a un progetto realizzato

Cinque libri per bambini sulle famiglie arcobaleno

Educare i bambini alla diversità, al di là di ogni pregiudizio e intolleranza. Raccontare loro le famiglie arcobaleno e tutte le tipologie di nucleo familiare esistenti, facendo anche in modo che l’uguaglianza di genere sia un punto fermo nella loro formazione e nella loro crescita. Una sfida a cui genitori ed educatori non possono sottrarsi, e che può

Tiziano Terzani: lettere contro la guerra

La prima cosa che fece Tiziano Terzani, giornalista e scrittore scomparso nel 2004, collaboratore di testate importanti come Der Spiegel, Repubblica e Corriere della Sera, all’indomani dell’11 settembre fu scrivere una lettera all’amico e direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli. La intitolò “Una buona occasione” e in essa raccolse le sue considerazioni sull’attacco